Regione Campania, Saiello, 5Stelle: ‘De Luca chieda scusa pubblicamente ai Campani’

SULLO STESSO ARGOMENTO

“Dopo le gravissime affermazioni di Vincenzo De Luca, che ha definito camorristi i cittadini che in Campania hanno espresso la loro preferenza per il Movimento 5 Stelle, invitiamo il governatore a scusarsi pubblicamente e a presentare le dimissioni da presidente di una regione che non è più degno di rappresentare. Questa terra e questa gente non può più essere amministrata da una persona dagli atteggiamenti da despota, i toni sempre più violenti ed un linguaggio che spesso scade in volgari offese nei riguardi di chiunque, avversario politico o giornalista, osi muovere critiche nei confronti del suo operato. E’ ora che ceda il passo, liberi questa Regione dalla sua presenza e consenta finalmente alla Campania di risorgere grazie alle enormi potenzialità di un popolo costituito dalla stragrande maggioranza di persone oneste, sul quale De Luca sta provando a gettare l’etichetta di camorristi. Chi ha votato il Movimento 5 Stelle non è camorrista. Chi vuole il bene della Campania, la camorra è abituato a combatterla. E non consentirà mai più a De Luca di infangare un intero popolo con le sue offese e la violenza del suo linguaggio”. Così il capogruppo in Consiglio regionale del Movimento 5 Stelle, Gennaro Saiello, tra i promotori di una campagna social per invocare le dimissioni di Vincenzo De Luca da governatore della Campania. Iniziativa alla quale hanno aderito parlamentari, consiglieri regionali, portavoce e attivisti, che stanno lanciando in rete le proprie foto impugnando cartelli con su impresso l’hashtag #IONONSONOCAMORRISTA. “Chiediamo il sostegno di tutti i campani, a prescindere dalle idee politiche, perché una battaglia che riporti la democrazia nella nostra regione è una battaglia nell’interesse di tutti. In una terra come la nostra è necessario riportare il confronto nei termini di civiltà e di dialogo costruttivo. Non è tempo di guerre, ma è tempo di idee e progetti improntati alla crescita del nostro territorio”.






LEGGI ANCHE

Camorra: stesa a Pianura contro la casa del boss Antonio Carillo

Napoli. Prima l'incendio di uno scooter parcheggiato in strada e poi una stesa di avvertimento. Torna la paura, tornano gli spari in via Evangelista...

Tre omicidi in 10 giorni, maxi blitz a Castellammare e Torre Annunziata

Tre omicidi in 10 giorni, un fermo e un maxi blitz a Castellammare di Stabia e Torre Annunziata.E' questo il bilancio della recrudescenza di...

Colpo ai narcos dei Monti lattari: sequestrati 33 chilogrammi di marijuana

Il sequestro nella strada dove il 19 febbraio scorso fu ucciso il boss Ciro Gargiulo

Camorra, sequestro beni allo sponsor della Casertana calcio

Sequestro beni per oltre 1,5 milioni di euro a imprenditore ritenuto contiguo al clan Belforte dei Marcianise. E tra i beni sequestrati c'è anche...

La camorra spara a Pomigliano e Torre Annunziata: bossoli in strada

La provincia di Napoli è stata scossa da due sparatorie nella serata di ieri. I carabinieri sono intervenuti in due città diverse dopo la...

IN PRIMO PIANO

LE VIDEO STORIE