Il regalo di Pasqua: torna a casa il baby calciatore Luigi Pellegrino

SULLO STESSO ARGOMENTO

E’ tornato a casa Luigi Pellegrino, il baby calciatore di Parete rimasto un coma per oltre un mese perchè colpito da un proiettile vagante alla testa mentre camminava per il corso principale del suo paese alla Vigilia di Natale. Un regalo di Pasqua per la famiglia e per gli amici ma anche per i tati che hanno pregato per lui in questi mesi. Lo ha annunciato il sindaco di Parete suo omonimo, ma non parente: “Dopo un triste Natale ci ritroviamo a vivere una Pasqua con tante gioie. Oggi ritorna a Parete la nostra María SS della Rotonda dopo un lungo restauro e nello stesso giorno ritorna a casa anche Luigi. In questi mesi ha lottato come un leone, ha recuperato alla grande e potrà vivere in pieno la sua vita. Gli auguro tutto il bene del mondo. Ringrazio tutta la comunità che nei momenti difficili ha saputo reagire. Abbiamo tutti pregato per questo miracolo. Ora è il momento di festeggiare! Viva Luigi, Viva Parete, Viva Maria Santissima Della Rotonda!”.

 






LEGGI ANCHE

Arrestato a Capodichino boss latitante di Taranto: stava fuggendo in Spagna

Giuseppe Palumbo, un boss latitante di 35 anni della città di Taranto, è stato arrestato dalle forze dell'ordine al momento in cui stava per...

Ordine dei Geologi: “A Napoli urgente indagine sul sottosuolo”

L'Ordine dei Geologi della Campania ha sollecitato un puntuale monitoraggio del territorio napoletano, iniziando dai quartieri più a rischio come il Vomero, in seguito...

Fuori venerdì 23 febbraio ‘Realness’, il nuovo singolo di Cecchy

Nuovo singolo di Cecchy "Realness" in uscita venerdì 23 febbraio "Cecchy continua a raccontare la complessa realtà del quartiere di Ponticelli con il suo...

Castellammare, fermato il presunto killer di Alfonso Fontana. Funerale show al “Fasano”

Fermato il ras del Bronx, Catello Martino detto "puparuolo". Un furto la causa dell'omicidio

Camorra, il boss latitante Dario Federico: “Marina di Stabia? Oramai è il mio feudo…”

Le intercettazioni che inchiodano il boss latitante di Pompei, Dario Federico che dopo aver picchiato e minacciato il responsabile commerciale del porto di Marina di Stabia ha ottenuto una serie di "favori"

IN PRIMO PIANO

LE VIDEO STORIE