Anche napoletani nella gang del racket dei parcheggi degli aeroporti: 5 arresti

SULLO STESSO ARGOMENTO

Cinque persone sono state arrestate all’alba dai carabinieri di Bergamo perche’ accusate degli incendi dolosi che avevano interessato, l’anno scorso, alcuni parcheggi attorno all’aeroporto di Orio al Serio. I cinque sono accusati di incendio doloso, detenzione e porto illegale di molotov. Il presunto capo del sodalizio e’ accusato anche di evasione. Gli arresti sono stati eseguiti tra Bergamo, Milano e Napoli. Gli incendi dolosi si erano verificati nel giugno scorso all’Azzurro Park e al Blu Parking di Grassobio: nel primo caso erano state bruciate due auto, nel secondo 51. Le indagini del nucleo investigativo dei carabinieri di Bergamo hanno permesso di accertare l’esistenza di un presunto sodalizio criminale al cui vertice operativo c’era un pregiudicato di 36 anni, di origine napoletane, residente a Bergamo e che e’ ai domiciliari. L’uomo e’ un ex dipendente dell’Azzurro Parking e amministratore di un’altra societa’, la Orio Big Parking, che gestisce aree di parcheggio a Seriate e Grassobbio. La banda era poi composta da 3 ucraini di 41, 35 e 30 anni, domiciliati nel Milanese e che sarebbero stati ingaggiati con 750 euro per dar fuoco alle auto. L’obiettivo era di intimidire i proprietari dei parcheggi per imporre prezzi stabiliti e alterare la concorrenza.




LEGGI ANCHE

A Napoli riaperti i termini per bando concorso per 72 funzionari socioeducativi

I termini per partecipare al concorso per la selezione di 72 dipendenti con il ruolo di funzionario socioeducativo sono stati riaperti. Il bando è stato modificato per consentire a coloro che possiedono titoli di laurea non precedentemente considerati di presentare la domanda. Questa decisione è stata presa in seguito alla raccomandazione dell'assessore all'Istruzione, Maura Striano, che si è mostrato entusiasta di ampliare le opportunità di partecipazione al concorso. I requisiti di ammissione, originariamente elencati nel...

Gianni Forte dopo le rapine riapre il punto gioco e chiede un “decreto Barra” come Caivano

L'imprenditore Gianni Forte ha riaperto il suo punto gioco in via Luigi Volpicella, quartiere Barra, dopo averlo chiuso a causa di una escalation di rapine. Forte aveva promesso di riaprire solo se lo Stato avesse dato una risposta immediata e concreta alla sua protesta. ''Avevo promesso la riapertura in caso di una riposta immediata dello Stato. E la riposta c'è stata. La presenza, oggi, delle istituzioni, testimonia la volontà di essere concretamente al fianco degli imprenditori....

Avellino, appalto scuola media Dante Alighieri: indagati dirigente e consigliere comunale

Ad Avellino la Procura ha avviato un'indagine per presunte irregolarità legate alla gestione di un appalto per la ricostruzione della scuola media "Dante Alighieri". La dirigente comunale, Filomena Smiraglia, il consigliere di maggioranza Diego Guerriero e il fratello di quest'ultimo, l'architetto Fabio Guerriero, sono sotto accusa per reati quali turbativa d'asta, abuso di ufficio e corruzione nell'esercizio delle funzioni. Le indagini sono condotte dai carabinieri del Nucleo operativo del Comando provinciale, che hanno eseguito perquisizioni negli...

Sparatoria in strada a Scafati, obiettivo il pregiudicato Marcello Adini

Il 43enne Marcello Adini è uscito dal carcere solo tre giorni fa dopo che era stato assolto per l'omicidio di Armando Faucitano

Sparatoria a Fuorigrotta: pistoleri in azione in via delle Scuole Pie

Nella zona di Fuorigrotta a Napoli, si è verificata una sparatoria su via delle Scuole Pie. I carabinieri del comando di Bagnoli sono intervenuti, intorno...

IN PRIMO PIANO

LE VIDEO STORIE