Secondigliano, contrabbandiere di sigarette inseguito e arrestato dalla Polizia

SULLO STESSO ARGOMENTO

Napoli. Gli agenti del Reparto Prevenzione Crimine Campania hanno arrestato Antonio De Stefano, napoletano di 47 anni, responsabile del reato di detenzione di Tle e resistenza a pubblico ufficiale.
Ieri pomeriggio, sul Corso Secondigliano gli agenti hanno incrociato un’auto appena uscita da via Vecchia Roma la quale ha immediatamente tentato di allontanarsi per evitare di essere controllata. Ne è nato un inseguimento sul corso Secondigliano in direzione piazza di Vittorio terminato su via Calata Capodichino. Qui l’autista ha cercato di fuggire a piedi ma gli agenti sono riusciti a bloccarlo. Nella macchina il De Stefano trasportava 3000 pacchetti di sigarette di provenienza moldava contenuti in sei casse per un peso totale di 60 kg. Stamani l’uomo è stato condannato a due anni ed otto mesi di reclusione presso la Casa Circondariale di Poggioreale e sanzionato con 50mila euro di multa.






LEGGI ANCHE

Violentò una turista a Sorrento: arrestato tunisino

Oggi, a Marsala, in Sicilia, i Carabinieri della Compagnia di Sorrento hanno eseguito un'ordinanza di custodia in carcere emessa dal G.I.P. del Tribunale di...

Tampona e fa cadere moto: automobilista denunciato. Ferito gravemente il centauro

Il 57enne dovrà rispondere delle accuse di lesioni personali stradali a seguito di un incidente verificatosi nella serata del 19 febbraio scorso. Durante la...

Blitz a Pomigliano d’Arco: armi e droga, indagata famiglia peruviana

A Pomigliano d'Arco, i carabinieri della stazione locale hanno condotto un blitz presso un'abitazione situata in via Mauro Leone. L'operazione ha coinvolto un'intera famiglia...

Castellammare, fermato il presunto killer di Alfonso Fontana. Funerale show al “Fasano”

Fermato il ras del Bronx, Catello Martino detto "puparuolo". Un furto la causa dell'omicidio

Camorra, il boss latitante Dario Federico: “Marina di Stabia? Oramai è il mio feudo…”

Le intercettazioni che inchiodano il boss latitante di Pompei, Dario Federico che dopo aver picchiato e minacciato il responsabile commerciale del porto di Marina di Stabia ha ottenuto una serie di "favori"

IN PRIMO PIANO

LE VIDEO STORIE