Minuti di recupero ancora indigesti per il Benevento: a Marassi vince il Genoa 1-0

SULLO STESSO ARGOMENTO

Il Benevento perde ancora. A Marassi termina 1-0 per il Genoa grazie ad una rete di Gianluca Lapadula. I minuti di recupero sono, ancora una volta, indigesti per il Benevento. Quando sembrava ormai cosa fatta il secondo punto del campionato, Lapadula viene steso in area di rigore dal Belec e lo stesso attaccante rossoblù condanna alla 17esima sconfitta in campionato in diciotto partite i giallorossi.
L’impegno, come in ogni altra partita di questa stagione, non è certamente mancato. Ma anche a Marassi ciò che è mancato alla squadra di De Zerbi è stata la cattiveria sotto porta, tante sono state le occasioni da gol e tanti gli errori degli avanti giallorossi. In serie A sbagliare così tanto paga e il Benevento, ad oggi, ha pagato un conto forse troppo salato. Ci vorrà una vera rivoluzione a gennaio, acquistare calciatori di categoria per ripetere il miracolo-Crotone dello scorso anno.
GENOA-BENEVENTO 1-0GENOA: Perin (K), Spolli, Izzo, Bertolacci (dal 32’st Cofie), Taarabt, Pandev, Rosi (dal 33’st Biraschi), Rigoni (dal 10’st Lapadula), Veloso, Zukanovic, Laxalt. A disposizione: Lamanna, Luka, Gentiletti, Cofie, Lapadula, Rossettini, Biraschi, Galabinov, Brlek, Ricci, Omeonga, Rossi. Allenatore Ballardini
BENEVENTO: Belec, Letizia (dal 32′ Venuti), Del Pinto, Lucioni (K), Djimsiti, Cataldi, Ciciretti (dal 24′ st Chibsah), Costa, Parigini (dal 12′ st Gyamfi), Puscas, Lombardi. A disposizione: Brignoli, Coda, Chibsah, Viola, Di Chiara, Gyamfi, Memushaj, Venuti, Armenteros, Gravillon, Brignola. Allenatore: De Zerbi
Reti: al 45+2 st Lapadula su rigore
Ammonizioni: Lucioni, Del Pinto, Zukanovic, Lapadula, Cataldi
Recupero: 3′ nel primo tempo e 5′ nel secondo tempo






LEGGI ANCHE

Castellammare, fermato il presunto killer di Alfonso Fontana. Funerale show al “Fasano”

Fermato il ras del Bronx, Catello Martino detto "puparuolo". Un furto la causa dell'omicidio

Camorra, il boss latitante Dario Federico: “Marina di Stabia? Oramai è il mio feudo…”

Le intercettazioni che inchiodano il boss latitante di Pompei, Dario Federico che dopo aver picchiato e minacciato il responsabile commerciale del porto di Marina di Stabia ha ottenuto una serie di "favori"

IN PRIMO PIANO

LE VIDEO STORIE