Seguici sui Social
Privacy Policy Cookie Policy

Cronaca

Napoli, due magrebini tentano una rapina e poi fuggono contromano in autostrada: inseguiti e arrestati

Pubblicato

in



La notte tra domenica e lunedì, gli agenti del Commissariato San Giuseppe Vesuviano hanno arrestato due cittadini magrebini, Hamraoui Mustapha 27enne e Er Raji Aminbe 21 enne , intercettati sulla SS 286, da san Giuseppe Vesuviano direzione Ottaviano, nei pressi dell’area industriale dove i due, a bordo di una autovettura BMW, hanno tentato di perpetrare una rapina in danno degli occupati di una Renault Clio, brandendo un coltello.
Il provvidenziale arrivo della pattuglia di poliziotti, che insospettiti dalle due auto ferme si sono avvicinati, ha evitato la consumazione della rapina.I due magrebini sono repentinamente saliti nella loro vettura BMW e sono scappati, inseguiti dalla volante della polizia.
L’inseguimento, durato per tanti chilometri, ha assunto la connotazione di rocambolesco atteso che i due extracomunitari, per sottrarsi all’arresto hanno addirittura imboccato la corsia autostradale forzando l’ingresso ai caselli e, quando una manovra, fatta in sicurezza dagli agenti, ne ha bloccato la fuga, non hanno esitato a fare inversione di marcia in autostrada e percorrere alcuni chilometri in direzione Nola sulla corsia destinata al sorpasso.
I poliziotti hanno anche loro invertito il senso di marcia percorrendo la corsia di emergenza ed attivando tutti i segnali luminosi ed acustici per attirare l’attenzione degli altri automobilisti ignari del pericolo che stavano correndo.
Dopo circa tre chilometri invertendo nuovamente la marcia, i malviventi tentavano di collidere frontalmente con l’auto dei poliziotti che, fortunatamente riuscivano ad evitarli. L’autostrada è stata abbandonata dal casello di Palma Campania all’esterno del quale i poliziotti sono riusciti a bloccare definitivamente i due malfattori che sono stati portati negli Uffici di Polizia.
Il 27enne Hamraoui Mustapha era stato colpito da un provvedimento di espulsione, emesso dalla Questura di Milano mentre l’altro, proprietario della macchina, aveva un permesso di soggiorno scaduto e l’auto sprovvista di copertura assicurativa. L’autorità giudiziaria, opportunamente informata ne disponeva l’arresto e l’accompagnamento presso la casa circondariale di Napoli Poggioreale.

Continua a leggere
Pubblicità

Cronaca

Carabiniere casertano investito e ucciso mentre fa jogging: arrestato il pirata della strada

Pubblicato

in

Carabiniere casertano investito e ucciso mentre fa jogging: arrestato il pirata della strada. Era positivo al drug test.

 

Antonio Montaquila, 37enne maresciallo dei carabinieri in servizio alla stazione dell’Arma a Formicola in provincia di Caserta, e’ stato investito e ucciso da un’auto a Capua, mentre faceva jogging. Il militare e’ morto sul colpo. La Polizia Stradale, che indaga sull’accaduto, nella notte ha arrestato il conducente della vettura, un 21enne del posto risultato positivo al test per l’uso di sostanze stupefacenti. Dai primi accertamenti effettuati, sembra che il giovane abbia perso il controllo dell’auto, che andava ad alta velocita’, finendo sul marciapiede, dove in quel momento il 37enne carabiniere stava correndo.

Montaquila lascia la moglie 44enne e un figlio di 6 anni; da poco era stato trasferito dalla Compagnia di Capua alla stazione di Formicola, dove avrebbe dovuto svolgere il ruolo di vice-comandante. Grande commozione tra i colleghi; Montaquila, originario di Vairano Patenora, viene ricordato come un professionista serio e dedito al suo lavoro, che si faceva voler bene e rispettare da tutti.

Continua a leggere



Cronaca Napoli

Napoli, sequestrate 80 piante di marijuana nel parco dei Camaldoli

Pubblicato

in

Napoli, sequestrate 80 piante di marijuana nel parco dei Camaldoli.

 

Il Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Napoli ha arrestato un 27enne di Marano di Napoli, e sequestrato, all’interno del Parco Metropolitano dei Colli e dei Camaldoli, 80 piante di “cannabis indica”, dell’altezza media di oltre 3 metri, per un peso complessivo di circa 450 Kg.

L’operazione è stata condotta dalla Compagnia di Giugliano in Campania ed ha interessato una zona interdetta al pubblico, di difficile accesso, raggiungibile solo percorrendo un lungo sentiero reso particolarmente impervio dalla presenza di una folta vegetazione e di superfici scoscese e individuata grazie alle ricognizioni della Sezione Aerea della Guardia di Finanza di Napoli mediante l’elicottero A109 Nexus.
Il giovane arrestato, nell’allestire la piantagione di canapa nascosta tra i rovi, aveva persino montato una tenda da campo per trascorrere la notte nelle vicinanze e per raccogliere la marijuana entro le prime ore del mattino.

Sequestrati anche gli attrezzi utilizzati per la potatura e l’irrigazione mentre le piante sono state successivamente estirpate e incenerite sul posto.
Un altro importante risultato nella lotta alla droga che rientra nel piano di prevenzione e repressione del traffico di stupefacenti del Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Napoli, nell’ambito del quale proprio i Reparti del Gruppo di Giugliano in Campania si sono particolarmente distinti sequestrando solo negli ultimi due mesi ben 6 piantagioni di marijuana.

Continua a leggere



Pubblicità

Pubblicità

DALLA HOME

Iscriviti alla Newsletter

Inserisci la tua email:

Gestito da Google FeedBurner

Le Notizie più lette