Casoria, chiede ‘pizzo’ al ristoratore 3 volte l’anno: arrestato

Casoria. Ha chiesto il ‘pizzo’ da una attivita’ commerciale. Oggi, personale della Squadra Mobile di Napoli del Commissariato di Afragola ha eseguito un’ordinanza di applicazione della misura cautelare in carcere emessa dal GIP del Tribunale di Napoli, su richiesta della Procura della Repubblica di Napoli – Direzione Distrettuale Antimafia, a carico di MAIONE Massimo (nato […]

google news
pompei maltratta familiari
foto di repertorio

Casoria. Ha chiesto il ‘pizzo’ da una attivita’ commerciale. Oggi, personale della Squadra Mobile di Napoli del Commissariato di Afragola ha eseguito un’ordinanza di applicazione della misura cautelare in carcere emessa dal GIP del Tribunale di Napoli, su richiesta della Procura della Repubblica di Napoli – Direzione Distrettuale Antimafia, a carico di MAIONE Massimo (nato a Napoli il 30.04.1988), ritenuto gravemente indiziato del reato di tentata estorsione aggravata dal metodo mafioso.

L’indagato, nello scorso mese di luglio, avrebbe preteso dal titolare di un ristorante in Casoria il pagamento di una tangente, da corrispondere tre volte all’anno.

L’attività di indagine, svolta nell’immediatezza dei fatti e corroborata dall’analisi delle immagini estrapolate dall’impianto di videosorveglianza dell’esercizio commerciale, aveva consentito di individuare il presunto autore del reato.

google news

La Newsletter di Cronache

Ogni giorno nella tua mail le ultime notizie

Leggi anche

Da bambino fu curato grazie a Maradona, arrestato per spaccio

Luca Quarto di Acerra era diventato famoso per la famosa partita nel fango ad Acerra in cui Maradona organizzò una colletta per curarlo

Samantha Cristoforetti ai bimbi di Forcella: “Mi mancherà fluttuare”

Astro Samantha collegata oggi in diretta video coi bambini della Casa di Vetro a Forcella per l'evento "In dialogo con lo spazio"

Ischia, ostacolano il passaggio di un’ambulanza: denunciati 2 commercianti

I due secondo la denuncia presentata alla polizia occupavano la carreggiata con sedie e tavoli.

Kimbo Melito, l’azienda: “Il sindacato sapeva che il bilancio non era stato approvato”

La replica dell'azienda Kimbo Melito dopo le proteste dei lavoratori e dei sindacati

IN PRIMO PIANO

Pubblicita