parco verde caivano processo
foto dal web


Imputato con il covid, rinviato il processo per la morte del piccolo Antonio al parco Verde di Caivano

E’ stato rinviato al prossimo 9 febbraio il processo in corso davanti alla seconda sezione della Corte di Assise di NAPOLI a carico di Raimondo Caputo e Marianna Fabozzi, ritenuti dai giudici (ci fu’ l’imputazione coatta per entrambi) coinvolti nella morte di Antonio Giglio, il bimbo di 4 anni figlio di Marianna, deceduto il 28 aprile 2013 dopo essere precipitato dalla finestra dell’abitazione del Parco Iacp di Caivano, dove abitava con la madre e la nonna.

Raimondo Caputo, infatti, in carcere in quanto condannato in via definitiva all’ergastolo per l’omicidio della piccola Fortuna Loffredo, e’ assente perche’ risultato positivo al Sars-Cov-2. Insieme con la ex compagna, Marianna Fabozzi, e’ imputato in questo processo, lui per favoreggiamento e lei, madre di Antonio, per l’omicidio volontario aggravato del figlio.
Bimbo precipitato: imputato con covid, processo 9 febbraio

LEGGI ANCHE  Caivano, cerca di evadere i domiciliari: 36enne arrestato

Nel corso dell’udienza l’avvocato Paolino Bonavita, legale dell’imputato Raimonto Caputo, ha rinunciato all’incarico mentre si e’ costituito parte civile il padre del piccolo Antonio, Gennaro Giglio, difeso dagli avvocati Sergio e Angelo Pisani. Assente in aula l’altra imputata, Marianna Fabozzi, difesa dall’avvocato Salvatore Di Mezza.




Iscriviti alla Newsletter per leggere le ultime notizie

Napoli, voragine sotterranea a Ponticelli: proseguono i lavori

Notizia Precedente

Al Main Port di Marina di Stabia – Le Pharaon – il Sovrano del mare dal valore di 14 milioni di euro

Prossima Notizia

Ti potrebbe interessare..