Facebook e Twitter sospendono gli account di Trump.

Facebook e Twitter hanno rimosso un videomessaggio pubblicato dal presidente Donald Trump su quelle piattaforme, ed hanno bloccato per la prima volta in assoluto gli account del presidente.

La rimozione dei contenuti segue l’irruzione al Congresso federale di sostenitori del presidente, che come Trump contestano l’esito delle elezioni presidenziali dello scorso 3 novembre. Nel video rimosso da Facebook e Twitter, Trump esortava i suoi sostenitori ad abbandonare Capitol Hill e a manifestare pacificamente, e ribadiva il suo sostegno alle forze dell’ordine. Trump ribadiva pero’ anche la sua convinzione che le elezioni del 3 novembre scorso, vinte dal suo avversario Joe Biden, siano state macchiate da frodi e irregolarita’.

LEGGI ANCHE  Napoli bar dell'Arenaccia aperto in orario serale, sanzioni per il titolare e gli avventori: locale chiuso per 5 giorni

Una nota di Twitter afferma che “A seguito della situazione violenta e senza precedenti a Washington D.C., abbiamo richiesto la rimozione di tre tweet di @realDonaldTrump (l’account Twitter del presidente Trump) pubblicati nella mattinata di oggi, per ripetute e gravi violazioni delle nostre politiche di Integrita’ civile”. Come confermato da Twitter, l’account di Trump rimarra’ bloccato per 12 ore, e non verra’ comunque sbloccato a meno che Trump stesso rimuova i tre messaggi segnalati dalla piattaforma.

Nel video gia’ rimosso da Twitter e Facebook, Trump esortava i suoi sostenitori a “tornare a casa. Abbiamo bisogno di pace. Abbiamo bisogno di legge e ordine, e di rispetto per il nostro grande popolo nella legge e nell’ordine”. Nel video, Trump affermava di “comprendere il dolore” dei suoi sostenitori: L’elezione ci e’ stata rubata. E’ stata una vittoria schiacciante, lo sanno tutti, specialmente i nostri avversari politici”.

LEGGI ANCHE  Napoli, il Comune vuole cancellare i murales dedicati ai baby rapinatori

Un portavoce di Facebook ha pero’ caratterizzato il video come un caso di “incitamento all’odio” contrario alle linee guida che regolano la pubblicazione dei contenuti su quella piattaforma. Guy Rosen, vicepresidente per l’integrita’ di Facebook, ha dichiarato tramite una nota che “questa e’ una situazione di emergenza, e stiamo assumendo le appropriate misure emergenziali. Abbiamo rimosso (il video di Trump) perche’ riteniamo che a conti fatti contribuisca ad aumentare, anziche’ placare il rischio di violenza”.

Il boss Raffaele Sperandeo trova le manette nella calza della befana

Notizia Precedente

Controlli dei Nas nelle Rsa in tutta Italia: irregolari il 15%

Prossima Notizia

Iscriviti alla Newsletter per leggere le ultime notizie


Ti potrebbe interessare..

;