roghi tossici ercolano

Roghi tossici e tonnellate di rifiuti sversati ad Ercolano, nel parco nazionale del Vesuvio. Borrelli: “Bisogna muoversi, la gente si ammala. Bonifiche, controlli, videocamere e droni, è ciò che chiediamo.”

Tonnellate di rifiuti sversati per strada ed in campi abbandonati e roghi tossici quotidiani, succede a Ercolano, nell’area del Parco nazionale del Vesuvio.

A denunciare la drammatica e vergognosa situazione è un cittadino che si è rivolto al Consigliere Regionale di Europa Verde Francesco Emilio Borrelli per chiedere degli interventi nell’area di via Cegnacolo, diventata una discarica subiva e continuamente sottoposta a roghi tossici che avvelenano la terra ed i polmoni di ben 400 famiglie.

“Io lavoro nella vigilanza privata e quindi esco di casa molto presto, a notte fonda, ed ogni volta vengo investito da un odore acre, forte e nauseabondo, di immondizia bruciata, come secondo lavoro mi occupo di ambiente quindi so cosa dico.  L’odore di bruciato proviene da dei campi abbandonati, recintati n maniera tale che dall’esterno non si riesce a vedere così ci sia all’interno, posso solo immaginarlo, dato che la strada esterna è totalmente invasa da rifiuti di ogni sorta.

LEGGI ANCHE  Vandalizzati i locali dell'Asl di Benevento: indagini

In quest’area siamo circa 400 famiglia e tutti noi dobbiamo subire ogni giorno questi miasmi, ci sono anche delle persone disabili, persone attaccate a dei macchinari, in questa zona che sono costrette a vive e respirando veleni. Ogni giorno abbiamo gola ed occhi che bruciano, è un inferno vivere in questo modo.

Abbiamo più volte denunciato questa situazione ma nulla è stato fatto. Ci sarebbero delle videocamere di sorveglianza, io le ho viste, quindi mi chiedo se esse siano funzionanti.

È incredibile quello che accade qui, nonostante siamo in un’area che fa parte del parco Nazionale del Vesuvio, ogni notte vedo arrivare decine di camion che salgono per strade strettissime e salgono su. Dove vanno? Cosa trasportano.”- racconta Raffaele Petruolo, un cittadino che in rappresentanza dei residenti di via Cegnacolo che si è rilvoto al Consigliere Borrelli.

LEGGI ANCHE  Capodanno a Napoli, la moda delle baby gang nel far esplodere botti devastanti nei bidoni dei rifiuti

“Si tratta di una situazione incredibile ma che descrive in maniera completa la situazione dei roghi tossici in Campania. Ora è urgente trovare delle soluzioni. Abbiamo inviato al Comune di Ercolano, all’ente del Parco nazionale del Vesuvio e alla Regione un report su ciò che accade ad Ercolano in via Cegnacolo. Chiediamo innanzitutto che vengano fatte delle verifiche all’interno dei campi abbandonati e che si proceda con degli interventi di bonifica. Inoltre occorre verificare l’impianto di videosorveglianza, metterlo in funzione e nel caso potenziarlo, prevedere una sorveglianza sul territorio, controlli continui e utilizzare dei droni. Bisogna muoversi, la gente sia ammala.”. E’ la dichiarazione del Consigliere Borelli.

 

San Giorgio, ufficializzata la composizione del Consiglio comunale

Notizia Precedente

Sopreso mentre cercava di rubare nelle auto in sosta: preso 42enne a Secondigliano

Prossima Notizia

Iscriviti alla Newsletter per leggere le ultime notizie


Ti potrebbe interessare..

;