foto di repertorio


La camorra torna a sparare e a uccidere a Napoli. E’ morto infatti nella notte al Cardarelli un pregiudicato legato alla cosca dei Cifrone che era stato ferito nella tarda serata di ieri a Miano.

La sparatoria è avvenuta in via Vittorio Veneto, direttrice che taglia in due il rione. E lì che  e’ stato ucciso Alessandro Riso, 28 anni, pregiudicato. L’uomo era ritenuto vicino al clan Cifrone, rinato dalle ceneri dei ‘capitoni’ (cosi come vengono soprannominati i Lo Russo) e gestori di una parte degli ingenti affari criminali che si dividono con i ras della cosiddetta ‘zona bassa’ di Miano.
L’agguato, su cui stanno indagando gli uomini della squadra mobile di Napoli, si inserisce nello scontro in atto nella zona dove le varie famiglie criminali stanno cercando di prendere lo spazio per il controllo degli affari illeciti lasciato dallo smantellamento del potente clan dei Lo Russo.

Coronavirus, il Governo vuole prorogare lo stato di emergenza fino al 31 gennaio 2021

Notizia Precedente

Coronavirus, nel mondo oltre 33,8 milioni di casi: 1.012.980 morti

Prossima Notizia

Iscriviti alla Newsletter per leggere le ultime notizie


Ti potrebbe interessare..