Seguici sui Social

Italia

Pedopornografia, arrestato 30enne: drogava e abusava di una bimba, poi vendeva i video sul web

PUBBLICITA

Pubblicato

il

pedopornografia


Como. Ennesimo caso di pedopornografia: un 30enne della provincia di Como è stato arrestato con l’accusa di aver drogato una bimba con un sedativo, di averla violentato e poi venduto i video delle violenze sul web.

L’uomo è stato arrestato al culmine di una delicata indagine della polizia postale che ha coinvolto una minore in età prescolare. La vicenda è emersa nel corso di un’indagine sul “deep web” durante la quale i poliziotti si sono imbattuti nella segnalazione di un utente su un italiano che stava cercando di vendere prodotti pedopornografici. L’italiano non aveva coperto le sue tracce, per cui attraverso l’ip del suo computer è stato possibile risalire al comasco. S. T., disoccupato, è stato perciò arrestato per violenza sessuale aggravata, detenzione e produzione di materiale pedopornografico. Secondo quanto è stato possibile ricostruire, il trentenne era riuscito più volte a rimanere da solo con la bambina. Durante gli incontri la drogava con un sedativo, anche quello acquistato sul deep web, le usava violenza e riprendeva tutto con la telecamera. L’indagato sul computer aveva duemila fotografie e circa trecento video filmati pornografici con minori. L’arresto è stato convalidato a Como, ma l’inchiesta è passata alla Direzione distrettuale antimafia di Milano per la presenza del materiale pedopornografico.



Continua a leggere
Pubblicità

Attualità

Si finge impiegato banca e si fa inviare bonifico, denunciato 48enne napoletano

Pubblicato

il

Si finge impiegato banca e si fa inviare bonifico, denunciato 48enne napoletano.

Al telefono si e’ finto impiegato della banca di cui un 44enne di Parma e’ correntista e, fornite tutte le informazioni necessarie, e’ riuscito a farsi accreditare, via bonifico, la somma di 19.000 euro. Protagonista della vicenda un 48enne denunciato dai Carabinieri parmigiani della stazione di Oltretorrente, alla Procura della Repubblica di Napoli con l’accusa di truffa.

L’uomo, collegato telefonicamente, ha raggirato il 44enne emiliano convincendolo di stare parlando con un dipendente dell’istituto di credito di cui e’ correntista e lo ha invitato ad seguire alcune sue indicazioni, risultando convincente al punto da riuscire a farsi inviare un bonifico e a impossessarsi della cospicua somma. Gli uomini dell’Arma, investiti del caso, sono riusciti a risalire al 48enne e a denunciarlo.

Continua a leggere

Le Notizie più lette