Pubblicità

Finalmente è giunta la primavera, anche se dopo qualche incertezza dovuta agli ultimi freddi. Adesso, possiamo vedere fiorire i frutti del nostro duro lavoro svolto durante l’inverno. La cura che abbiamo dato alle nostre piante ci saluta in tutto il suo splendore e sembra quasi che sia un modo per ringraziarci.

È stata dura trapiantare e proteggere dal clima rigido, ma la gioia più grande ci viene data con un’esplosione di colori, profumi e altre magnifiche sensazioni che solo le nostre piante, fiori e ortaggi sanno dare. Solo chi sa come trattarle può comprendere l’inesauribile fonte di bellezza che le nostre piante rappresentano.

Pubblicità

I veri amanti del giardinaggio però, sanno benissimo che un lavoro fatto con amore non può essere svolto senza i giusti attrezzi da giardino e per questo, oggi, andiamo a scoprire quali sono quelli che non devono mai mancare nel kit del perfetto pollice verde.

Gli attrezzi indispensabili per la cura del proprio giardino

Prima di iniziare a elencarvi gli attrezzi indispensabili per il vostro amato giardino, vi consigliamo uno dei migliori blog a tema giardinaggio, ilpolloceverde.it dove troverete recensioni dei migliori attrezzi da giardino. Come ogni professionista ripone i propri attrezzi da lavoro nella valigetta a scomparti, anche un perfetto giardiniere deve disporre di un qualcosa dove poter conservare i vari elementi del kit da giardinaggio per averli sempre pronti all’uso.

Valigette, borse e bauli sono scomodi da portare in giro per il giardino, ma quando possiamo evitare il trasporto di attrezzi molto voluminosi e pesanti, è meglio essere forniti di una tuta multi stasca. Tutte le risposte alle domande che possono attanagliare un perfetto giardiniere risiedono nelle tasche di una tuta: ma mi raccomando, che sia quello giusto.

I guanti

Nel paragrafo precedente abbiamo parlato di tuta multi tasca, la quale non potrebbe mai essere completa senza un paio di guanti. Anche in questo caso non bisogna buttarsi sul primo paio che si trova, ma devono rispondere a determinate caratteristiche. Devono essere spessi, robusti e resistenti, gommati o plastificati per evitare piccoli tagli sia da attrezzi che da piante spinose. In questo modo è possibile fare ”il lavoro sporco” mantenendo le nostre mani pulite, e intanto, ci proteggono da tutte le inside che un’attività tranquilla come il giardinaggio può riservare.

Rastrello e zappa

Dopo aver scelto una tuta resistente e un ottimo paio di guanti, passiamo a riempire le tasche con gli attrezzi essenziali per il giardinaggio. Un kit perfetto non lo sarebbe senza un rastrello e una zappa. Questi due attrezzi formano una coppia perfetta per appianare la terra, sbriciolare le zolle, distribuire il terreno in maniera uniforme, smuoverlo per rivoltarlo, ecc. Queste sono tutte operazioni per aprire la terra e renderla accogliente per i semi, senza le quali il terreno non sarebbe fecondo.

Paletta da giardino

In un kit da giardinaggio da manuale e che faccia invidia a tutti, non deve mai mancare una paletta, che non è solo un vezzeggiativo, ma si tratta proprio di una piccola pala. Per il nostro giardino è un attrezzo indispensabile, grazie al quale è possibile rimuovere il terriccio vecchio per sostituirlo col nuovo.

Questi sono dei travasi indispensabili per le piante e la loro vita. Ovviamente la paletta non si limita solo a questi usi, ma sono davvero così tanti che sarebbe meglio farne un discorso a parte.

Piantatoio

Può sembrare banale e scontato, ma un recente attrezzo ideato per una delle azioni più comuni delle attività da giardino, è diventato un oggetto indispensabile da aggiungere agli attrezzi da giardinaggio che non devono mai mancare e il suo nome è tanto semplice quanto efficace: il piantatoio.

Questo attrezzo non ha nulla di speciale e bisogna semplicemente infilarlo nel terreno cosicché possa fare il suo lavoro: fare un bel buco. Questo, ovviamente, è già la nuova casa per la nostra pianta.

L’annaffiatoio

Dopo che la pianta è stata ubicata nella sua nuova casa, bisogna avere tanta pazienza nell’attesa che sbocci. Ovviamente dobbiamo continuare a prendercene cura e in questa fase, l’acqua è fondamentale. L’innaffiatoio ideale deve avere un beccuccio lungo. In base al tipo di pianta bisogna regolare i giusti tempi per innaffiarla. Ricordate che troppa acqua potrebbe addirittura uccidere la pianta al pari di lasciarla senza.

Cesoie

L’immagine stereotipata del perfetto giardiniere viene dipinta con le cesoie in mano, ed è così che ci piace essere immaginati. Un bravo pollice verde sa che foglie secche e rametti rallentano la crescita rigogliosa della pianta, quindi, se vogliamo aiutarla a crescere sana: zac, zac e via il superfluo.

Si può scegliere di utilizzare delle cesoie più grandi per i lavori di prima pulizia per poi passare a delle forbici più piccole quando si passa nel dettaglio dei lavori di precisione.

Vasi e sottovasi

Molti degli amanti del giardinaggio non dispongono di un giardino nel quale piantare e crescere le proprie piante, ecco perché è importante scegliere vasi della giusta dimensione per accoglierle. Un vaso, di norma, ha dei fori sul fondo per impedire che l’acqua ristagni, ecco perché in una veranda o un balcone, è indispensabile usare dei sottovasi per evitare di allagare tutto quanto.


Pubblicità'

Ti potrebbe interessare..