Seguici sui Social

Attualità

Flash mob degli Animalisti Italiani contro le pellicce alla prima del Teatro di San Carlo

PUBBLICITA

Pubblicato

il


“L’industria della pelliccia è un commercio crudele di morte. Tutti i capi o inserti di pelliccia sono intrisi di abusi e torture. Negli allevamenti, gli animali sono costretti a vivere in gabbie piccolissime, impossibilitati a muoversi, a seguire i propri istinti e ad avere una normale vita sociale. Per la disperazione, si spezzano i denti mordendo la gabbia, si feriscono da soli, o diventano aggressivi coi compagni. Infine vengono uccisi in modo cruento. A fronte di tutto ciò auspichiamo nella più ampia partecipazione al nostro presidio davanti al Teatro di San Carlo, sabato 15 dicembre, ore 18:00. Il flash mob sarà in onore di Jana Giardina, anima dell’animalismo partenopeo che ci ha lasciati prematuramente”. Così in una nota Walter Caporale, Presidente di Animalisti Italiani onlus. “Diciamo #bastapellicce. – sottolinea- Basta orribili sofferenze solo per vanità. Saremo la voce di milioni di animali trucidati ogni anno in tutto il mondo in nome di una moda sporca di sangue. Il mercato delle pellicce deve ascoltare la crescente sensibilità degli italiani verso gli animali. L’ultimo Rapporto Eurispes rivela che l’86,3% dei cittadini vuole il superamento degli allevamenti di animali da pelliccia. È il arrivato il momento che il Parlamento italiano metta al bando questa barbarie. Ad oggi, tra Lombardia, Emilia Romagna, Veneto e Abruzzo, sono presenti una ventina di allevamenti di visoni nei quali sono imprigionati oltre 200mila creature innocenti: qui, questi esseri viventi trovano una morte lenta e dolorosa con il monossido o il biossido di carbonio. Negli anni ’90 ne erano segnalati alla Camera di Commercio ben 125, ma il mercato delle pellicce oggi è in profonda crisi. Dagli 1,6 miliardi di euro del 2011 (già in calo rispetto agli 1,8 miliardi del 2006 e 2007) il valore della produzione italiana nel canale commerciale è sceso a 1,2 miliardi. Tra il 2015 e il 2016 c’è stato un crollo dell’11,3%. Tra gli operatori c’è scetticismo, il mercato è in costante declino, nei prossimi tre anni le pellicce perderanno altre quote di vendita”. “È chiaro oramai che questa attività commerciale cruenta non ha ragione di esistere più in un Paese dove l’attenzione per gli animali e il sostegno ai loro diritti si attestano tra i livelli più alti in Europa. Indossare un ‘cadavere’ ci rende complici di un sistema perverso ricco solo di sadismo, cattiveria e mancanza di rispetto verso la vita. Il progresso tecnologico di questi ultimi anni ha consentito di raggiungere valide alternative che rendono inutile il ricorso a pratiche crudeli nei confronti degli animali. Dire no alle pellicce significa anche tutelare l’ambiente e salvaguardare la salute umana. Infatti esiste una correlazione tra pellicce e rischio tossicità per la salute come dimostrato dai test ecotossicologici che hanno rilevato la presenza di sostanze tossiche e cancerogene in inserti di pelliccia”, conclude Caporale.



Continua a leggere
Pubblicità

Attualità

Cala la curva epidemica in Italia. I casi di oggi sono 12.145: tasso al 5,9%

Pubblicato

il

Cala la curva epidemica in Italia. I casi covid di oggi sono 12.145 contro i 16.310 di ieri.

Con 211.078 tamponi totali (sono compresi nel computo anche i test antigenici rapidi), quasi 50mila meno di ieri, il tasso di positivita’ (che ieri era al 6,3%) scende al 5,9%. I decessi nelle 24 ore sono 377 (ieri 475), per un totale di 82.17 vittime da inizio epidemia. E’ quanto emerge dal bollettino diffuso dal ministero della salute.

Sono in calo di 17 unita’ i pazienti in terapia intensiva in Italia nelle ultime 24 ore, nel saldo giornaliero tra ingressi e uscite, secondo i dati del ministero della Salute. Gli ingressi giornalieri in terapia intensiva sono 124. In totale i ricoverati in rianimazione sono 2.503. I pazienti in area medica – reparti ordinari – sono in calo di 27 unita’ rispetto a ieri, portando il totale a 22.757.

LEGGI ANCHE  Dal Rione Salicelle di Afragola attacco social ai carabinieri, un video per diffamare l’arma.

In totale i casi da inizio epidemia sono 2.381.277, le vittime 82.177. Gli attualmente positivi sono 553.374 (-4.343), i guariti e i dimessi 1.745.726 (+16.510), in isolamento domiciliare ci sono 528.114 persone (-4.299).

La regione con il maggior numero di nuovi casi e’ Lombardia (1.603), seguita da Sicilia (1.439), Emilia Romagna (1.437) e Veneto (1.369).

Continua a leggere

Le Notizie più lette