roghi di rifiuti tra agropoli e capaccio: tre persone denunciate



I militari della Stazioni Carabinieri Forestale di Agropoli, nello svolgimento del servizio di prevenzione e repressione di illeciti ambientali, hanno accertato diversi episodi di combustione illecita di rifiuti.
Svariate anche le circostanze degli interventi effettuati. In un arco temporale di pochi giorni infatti, i militari sono intervenuti, anche liberi dal servizio ed in orari notturni, nelle località Collina San Marco e Mattine del comune di Agropoli e località Cafasso del comune di Capaccio Paestum. Elemento costante degli episodi è lo smaltimento illecito di rifiuti a mezzo combustione. I rifiuti dati alle fiamme sono tutti classificabili quali rifiuti speciali ed in alcuni casi riconducibili ad attività di impresa, si tratta infatti di materiali da ristrutturazioni edili, rifiuti plastici prodotti da lavorazioni agricole, rifiuti vegetali e stoffe.
Messe in sicurezza le aree, i militari hanno effettuato rilievi ed accertamenti sui luoghi che hanno consentito di individuare la proprietà dei terreni e la natura dei rifiuti combusti e di attribuire la produzione e successiva combustione dei rifiuti e quindi individuare i responsabili. Deferiti alla Autorità Giudiziaria tre persone fra cui un cittadino algerino.
Oltre che condotta vietata dalla legge e sanzionata penalmente dal Decreto Legislativo 152/2006, si tratta di una pratica che mette a rischio le matrici ambientali, in particolare l’aria, ma anche la salute dei cittadini in particolar modo quando ad essere combusti sono materiali plastici come nel caso dei rifiuti agricoli. In periodo inoltre, di alto rischio e grave pericolosità per gli incendi boschivi decretato dalla Giunta della Regione e decorrente dal giorno 15 giugno e fino al 30 settembre.

LEGGI ANCHE  Campania, produttori cinema: lavoriamo per mobilitare pubblico
ADS



Siamo la redazione di Cronache della Campania. Sembra un account astratto ma possiamo assicurarvi che è sempre un umano a scrivere questi articoli, anzi più di uno ed è per questo usiamo questo account. Per conoscere la nostra Redazione visita la pagina "Redazione" sopra nel menù, o in fondo..Buona lettura!

Napoli, morto il tabaccaio aggredito da un migrante nella metro a Chiaiano

Notizia precedente

Sommossa in carcere a Santa Maria Capua Vetere: agenti penitenziari aggrediti a colpi di scopa

Notizia Successiva

Ti potrebbe interessare..