Carcere di Fuorni, sequestrati 8 cellulari ai detenuti

Carcere di Fuorni, nuovo sequestro di cellulari ai detenuti: gli agenti penitenziari ne hanno recuperato ben 8 dalle celle. Dopo le ultime violenze verificatesi nelle strutture carcerarie di S.Maria Capua Vetere e Salerno, e’ di nuovo la Casa circondariale di Salerno al centro delle cronache per il sequestro di 8 apparati cellulari. La denuncia e’ […]

google news

Carcere di Fuorni, nuovo sequestro di cellulari ai detenuti: gli agenti penitenziari ne hanno recuperato ben 8 dalle celle.

Dopo le ultime violenze verificatesi nelle strutture carcerarie di S.Maria Capua Vetere e Salerno, e’ di nuovo la Casa circondariale di Salerno al centro delle cronache per il sequestro di 8 apparati cellulari.

La denuncia e’ del Sindacato Autonomo Polizia Penitenziaria, per voce del segretario generale Donato Capece: “Il sequestro fatto a Salerno e’ fondamentale nel contrasto al compimento di atti illecito. La Polizia Penitenziaria combatte una battaglia continua per stroncare l’incessante traffico mirato all’illegale ingresso nei Penitenziari della Regione di telefonini e droga, utilizzati dalla criminalita’ per continuare le attivita’ criminose di varia tipologia anche durante la detenzione sia all’interno che all’esterno.

Un encomio dal SAPPE va al Reparto di Polizia Penitenziaria del carcere di Salerno, colleghi che tra mille difficolta’ operative, pur con carenza di uomini e mezzi, riescono a garantire la legalita’, l’ordine e la sicurezza nei confronti di detenuti violenti e poco inclini ad accettare le regole di un sistema penitenziario sempre piu’ allo sbando”.

Netta la denuncia del SAPPE: “Il fenomeno dell’introduzione illegale e dell’utilizzo di telefoni cellulari all’interno delle carceri italiane sta assumendo di anno in anno sempre maggiore rilevanza come testimoniato dai numerosi sequestri effettuati da parte della Polizia penitenziaria: non trascorre mese che non esca una notizia di sequestro di telefoni cellulari da parte degli agenti.

Come facilmente intuibile la diffusione di telefoni cellulari all’interno delle carceri rappresenta una problematica di rilevanza assoluta dal punto di vista della sicurezza. A tal proposito riteniamo che si possa e debba prevedere l’utilizzo della tecnologia per questo scopo – mediante schermatura delle Sezioni detentive – ma anche sperimentare altre soluzioni, come ad esempio l’impiego di cani specificamente formati, come gia’ avviene in altri Paesi europei.

Si tratta di un servizio di “Cell-phones detecting dogs” discreto ed affidabile utilizzando cani e conduttori poliziotti penitenziari perfettamente formati”. 

google news

La Newsletter di Cronache

Ogni giorno nella tua mail le ultime notizie

Leggi anche

Corrono i contagi Covid in Italia, si inverte curva intensive

Covid, si inverte curva intensive Gimbe, +51,9% casi in 7 giorni. Occhi su BQ 1.1, 'Cerberus'

A Casandrino scoperto centro di spedizione della merce contraffatta

Sequestri dei carabinieri nella settimana dell’anti-contraffazione. Tra le ipotesi investigative anche l'E-commerce

Napoli Città Libro, ad aprile 2023 la quarta edizione alla Stazione Marittima

Un'intera giornata sarà dedicata a Piero Angela

Casalesi confiscati 600mila euro, il ras perde il ricorso in Cassazione

Confiscati i beni ad Armando Letizia di Casal di Principe mentre nel Basso Lazio confiscati beni alla famiglia DeA ngelis

IN PRIMO PIANO

Pubblicita