HomeLavoroWhirlpool Napoli: da azienda impegno a non inviare licenziamenti fino al 22...

Whirlpool Napoli: da azienda impegno a non inviare licenziamenti fino al 22 ottobre

Whirlpool avrebbe raccolto la richiesta da parte dei sindacati del rinvio dell'udienza e si sarebbe impegnata a non inviare lettere di licenziamento fino al 22 ottobre.
google news
Whirlpool licenziamenti
Foto archivio

Durante l’udienza odierna al Tribunale di Napoli, Whirlpool avrebbe raccolto la richiesta da parte dei sindacati del rinvio dell’udienza e si sarebbe impegnata a non inviare lettere di licenziamento fino al 22 ottobre.

Lo si apprende da fonti sindacali, che spiegano come sarebbe stata confermata l’intenzione dell’azienda di chiudere la procedura in data odierna.

L’azienda avrebbe preso atto degli sforzi importanti che gli attori hanno fatto, e confermato la propria disponibilità a lavorare fino al 29 ottobre con l’obiettivo di definire un accordo vincolante con il consorzio e le parti sociali per definire la transizione delle persone e degli asset entro e non oltre il 15 dicembre.

“Dopo il fermo di ieri sera, la trattativa è ripresa solo ora, e nonostante l’incontro di oggi fosse stato convocato dai Ministri Giorgetti e Orlando i due non sono presenti al vertice. È incredibile come davanti ad una situazione così drammatica, come due ministri abbandonino il tavolo negoziale e con esso i 340 lavoratori ai licenziamenti che potranno arrivare già il prossimo 23 ottobre ( nel rispetto pronunciamento del tribunale del lavoro di Natale)”.

Cosi il segretario nazionale Fim Cisl Massimiliano Nobis, che aggiunge: “L’azienda infatti continua a mantenere la sua posizione e non è assolutamente disposta ad allungare ulteriormente la procedura dei licenziamenti per dare tempo di trovare ad una soluzione. Siamo in un momento di non ritorno, serve che le istituzioni facciano la loro parte e provino tutte le strade possibili per una soluzione che dia una speranza lavorativa ai 340 lavoratori. Il fatto che il Ministro Giorgetti e Orlando oggi non siamo presenti al tavolo é un brutto segnale. Nonostante non lasciamo soli i lavoratori, aspettiamo qui al Mise i Ministri per convinti trovare una soluzione”, conclude.

Entro il prossimo 15 dicembre dovrebbe essere costituito il consorzio che rileverà il sito Whirlpool di Napoli. Lo si apprende da fonti sindacali, che spiegano come si tratti della deadline contenuta nel piano presentato da Invitalia durante il tavolo Whirlpool in corso al Mise. Sempre entro il 15 dicembre sarà presentato il piano industriale, così come il piano per il riassorbimento del perimetro complessivo entro il 15 dicembre. Invitalia starebbe valutando la possibilità di ingresso mediante il fondo di salvaguardia.

“Il Piano industriale sarà unico e anche Invitalia svolgerà il ruolo di referente. Il Mise lo supporterà con tutti gli strumenti a disposizione. Il progetto è serio e credibile”, avrebbe detto secondo quanto si apprende la viceministra allo Sviluppo economico Alessandra Todde.

Fabio Testa
Fabio Testa
Fabio Testa, 28 anni, laureato in sociologia. Appassionato della cultura napoletana e dei fenomeni della tradizione popolare. Gli piace il cinema d'autore. E' grande tifoso del Napoli

La Newsletter di Cronache

Ogni giorno nella tua mail le ultime notizie

google news
spot_img

Leggi anche

Oroscopo oggi, previsioni segno per segno. Bilancia fortunati oggi

L'oroscopo oggi. Il segno fortunato del 5 luglio è quello della Bilancia   Ariete Pappa e ciccia con il partner, il weekend concluso solo ieri mattina all’alba...

Allarme De Luca: “Centinaia medici positivi a Covid, problemi negli ospedali”

"Il personale sanitario è in buona parte positivo al Covid. Quindi manca la presenza dei medici negli ospedali già oggi. Abbiamo centinaia di positivi"....

Capri, recuperata la salma del turista americano scomparso

Sono durate quasi 10 ore a Capri le operazioni di recupero del corpo senza vita del turista americano Adam Gabriel Kreysar. Era arrivato sabato...

Napoli, Cirica (Ospedale Betania): “Basta aggressioni nei Pronto Soccorso, serve monitoraggio”

“Le aggressioni al personale del nostro Pronto Soccorso, come a quelli di altri presidi dell’area metropolitana di Napoli non si contano più. C’è un’escalation...

CRONACHE TV

spot_img

IN PRIMO PIANO

Pubblicita