Di La Redazione, Luglio 22, 2021


Via libera del Consiglio dei ministri al nuovo dl Covid. Semaforo verde al green pass e alla proroga dello stato di emergenza a fine anno.

Obblighi e divieti dal 5/10, fasce-rischio basate su dati ricoveri, quarantena ridotta per chi ha il lasciapassare.

Il Parlamento potra’ poi ovviamente apportare modifiche e correzioni al decreto legge – confermano che il green pass dal 5 agosto servira’ per accedere ai tavoli al chiuso di bar e ristoranti, mentre non sara’ invece necessario per consumare al bancone, anche se al chiuso. Obbligo esteso per l’accesso a spettacoli all’aperto, centri termali, piscine, palestre, fiere, congressi e concorsi.

Quanto ai parametri per i passaggi di “fascia-colore”, scattano le nuove soglie per terapie intensive e ricoveri ordinari: viene stabilito con il 10% di occupazione dei posti letto nelle terapie intensive e con il 15% delle ospedalizzazioni il tetto per il passaggio da zona bianca a gialla, con le conseguenti restrizioni gia’ in atto.

Con terapie intensive al 20% e con il 30% di ospedalizzazioni si passa in “arancione” e con il 30% di occupazione delle terapie intensive e il 40% dei reparti scatta la zona rossa. Entra in vigore anche la quarantena “soft”: prevista in caso di contatto con persona positiva, dovrebbe essere ridotta per chi abbia il green pass. Al momento resta congelata la questione treni e trasporti pubblici: non saranno per ora soggetti al green pass per accogliere i passeggeri e il tema e’ rinviato a settembre. Le discoteche restano chiuse.

Il governo ha comunicato alle Regioni l’intenzione di lasciare chiuse le discoteche, annunciando – secondo quanto si apprende – che si sta lavorando all’ipotesi di ristori.