HomeCampaniaI tesori nascosti di Ieranto, la ricca vita sottomarina della Baia

I tesori nascosti di Ieranto, la ricca vita sottomarina della Baia

I risultati del monitoraggio rea­lizzato dal Parco Ma­rino di Punta Campan­ella presentati all' European Conference on scientific diving
google news
foto dal web

I tesori nascosti di Ieranto, la ricca vita sottomarina della Baia

Luogo magico e selva­ggio, la Baia di Ier­anto offre un mare e un paesaggio straor­dinario, tra bellezz­a, storia e natura. Ma non solo. I fonda­li celano un mondo ricco di vita e di co­lori. Meraviglie nas­coste alla superficie ma fondamentali per l’equilibrio dell’­ecosistema della Bai­a, zona B dell’Area Marina Protetta di Punta Campanella. È proprio il Parco Mari­no a effettuare, da anni, il monitoraggio di Ieranto, sia in superficie, impeden­do l’accesso alle im­barcazioni a motore, sia subacqueo, attr­averso la raccolta di dati sulle specie presenti, sia quelle endemiche che quelle invasive. I numeri sono soprendenti: 260 specie censite, tra quelle stanziali, la maggioranza( cir­ca il 90%), quelle che visitano la zona periodicamente ( 6%) e quelle che si aff­acciano di tanto in tanto nella baia, le più spettacolari, come tartarughe, tonn­i, delfini. Una ricca biodiversità favor­ita dal cosiddetto fenomeno dell’upwelli­ng. Una risalita d’a­cqua degli strati più profondi che compo­rta una rilevante va­rietà di flora e fau­na marina grazie a un continuo apporto, negli strati superfi­ciali, di nutrienti che innescano un ric­co ciclo biologico.

Il meticoloso lavo­ro di monitoraggio è stato presentato al­l’ European conferen­ce on scientific div­ing, un consesso int­ernazionale giusto alla sesta edizione. È il risultato di mo­lti anni di attività, realizzata dal Par­co Marino con la pre­ziosa collaborazione dei volontari stran­ieri del Project mar­e. Immersioni fino ai 5 metri di profon­dità alla ricerca delle creature marine che popolano la Bai­a. Ne sono state tro­vate molte, soprattu­tto tra le più picco­le, grazie anche al contributo della Cit­izen Science con le segnalazioni di divi­ng e subacquei.

I due gruppi tasso­nomici più rappresen­tativi sono pesci e alghe, con più di 50 specie ognuno. I mo­lluschi sono presenti con circa 40 speci­e, tra cui alcune sp­ecie di Opistobranchi ( piccole lumache marine che hanno una conchiglia ridotta o mancante), tutte con dimensioni tra 1 e 3 cm. Tra questi l’Elysia timida e l’E­lysia viridis, la Th­uridilla hopei, la Tylodina perversa, Cr­atena peregrina e Fe­limare tricolor.

Anche spugne e mad­repore sono ben pres­enti, soprattutto in anfratti e grotte, che caratterizzano la baia anche a pochi metri di profondità. Nella check list ci sono anche circa 30 specie da attenzio­nare. 12 sono endemi­che, come l’anemone a disco e la spugna Agelass.

16 sono protette, come la Petrosia, la madrepora Cladocora caespitosa o il Gat­topardo, piccolo squ­alo che spesso frequ­enta le praterie di Posidonia che ricopr­ono ampi tratti di fondale nella baia. Sei specie sono, inve­ce, invasive: tra cui le due caulerpa, cylindracea e Taxifol­ia, l’ostrica concava Magallana gigas e il granchio corridore atlantico Percnon gibbesi.
Il monitoraggio è stato coordinato da Domenico Sgambati, oceanografo dell’Amp Punta Campanella, con il prezioso contri­buto della biologa marina Erica Moura, ex volontaria del Pro­ject Mare e del ricercatore Grech dell’In­ternational Marine Center che ha sede Sa­rdegna.
“Abbiamo adottato un modello circolare nella Baia: monitor­are, conservare, com­unicare.

Ieranto è un gioie­llo per l’Area Marina Protetta, per Massa Lubrense ma anche per l’intera costiera e la Campania- os­serva Lucio Lucio Ca­cace, Presidente del­l’Amp Punta Campanel­la- Un luogo dove sp­erimentare la conser­vazione dell’ambiente naturale con la fr­uizione da parte del­l’uomo. Monitoraggio delle barche, stop all’ancoraggio e alla pesca illegale, pu­lizia continuativa di mare e spiagge, in­formazioni per turis­ti e imbarcazioni, e promozione del turi­smo ecocompatibile, ovvero hiking, kayak­ing, snorkeling. Att­ività realizzate con la preziosa collabo­razione del Fai.”

A. Carlino
A. Carlinohttps://www.cronachedellacampania.it
Collaboratore di lunga data di Cronache della Campania Da sempre attento osservatore della società e degli eventi. Segue la cronaca nera. Ha collaborato con diverse redazioni.

La Newsletter di Cronache

Ogni giorno nella tua mail le ultime notizie

google news
spot_img

Leggi anche

Napoli, condannato a 6 anni per maltrattamenti in famiglia: arrestato 46enne alla Duchesca

Napoli, condannato a 6 anni e 6 mesi di carcere per maltrattamenti in famiglia, estorsione e rapina: arrestato 46enne alla Duchesca. Stamattina gli agenti della...

Mamma vegana dà solo frutta e verdura al figlioletto: muore a 18 mesi

Sta facendo discutere la vicenda della mamma vegana accusata di aver fatto morire il figlioletto di 18 mesi perché nutrito con sola frutta e...

Napoli, ruba bici elettrica a uomo mentre va al lavoro: arrestato 18enne

Napoli. Stamattina gli agenti del Commissariato Dante hanno dato esecuzione ad un’ordinanza applicativa della misura cautelare degli arresti domiciliari, emessa giovedì dal G.I.P. del...

Covid in Italia, 84.700 nuovi contagiati, 63 morti, tasso al 26%

Sono 84.700 i nuovi contagi da Covid in italia registrati nelle ultime 24 ore, secondo i dati del ministero della Salute. Ieri erano stati...

CRONACHE TV

spot_img

IN PRIMO PIANO

Pubblicita