Aggiorna le impostazioni di tracciamento della pubblicità

Seguici sui Social
Privacy Policy Cookie Policy


Coronavirus

Tamponi ‘fai da te’, FIMMG Napoli: ‘Se non si rispettano le prescrizioni presto sarà il caos’

Pubblicato

in



Tamponi ‘fai da te’, FIMMG Napoli: ‘Se non si rispettano le prescrizioni presto sarà il caos’

«Bisogna far comprendere ai cittadini che non si può andare in ospedale a fare tamponi senza aver interpellato prima il proprio medico di famiglia. Se non si cambia rotta molto presto sarà il caos». È un allarme preciso quello che arriva dalla FIMMG Napoli per voce di Luigi Sparano e Corrado Calamaro, che si rivolgono ai cittadini sulla scorta di quanto sta avendo in ospedali come il Cotugno. «È notizia di oggi che si stanno creando code enormi e le diverse aziende ospedaliere sono in grande difficoltà – dicono i due medici di medicina generale -, questo non va bene né sotto il profilo esistenziale, né per la gestione dei dati». Uno dei problemi che si sta creando è infatti quello dell’inserimento degli esiti nelle diverse piattaforme informatiche. Bypassando lo studio del medico di famiglia, il dato epidemiologico rischia di disperdersi e di alimentare ulteriori disagi. «Il tampone – chiariscono Sparano e Calamaro – non è un test da fare tanto per tenere a bada l’ansia. Deve essere il medico di famiglia a prescriverlo sulla base di una valutazione clinica ed epidemiologica accurata. Le risorse non sono infinite e se centinaia di pazienti che non hanno motivo di credere di essere stati contagiati si sottopongono al tampone, si corre il rischio di perdere tempo con chi invece ha sintomi o è entrato in contatto con un caso positivo». Di qui il monito dei medici di medicina generale della FIMMG Napoli ad affidarsi ai propri medici per risolvere eventuali dubbi, e nel caso per richiedere di essere sottoposti al tampone. «Molti pazienti non considerano neanche il fatto che il tampone ha come conseguenza l’isolamento fiduciario in attesa della risposta. Chi decide di sottoporsi al test deve restare a casa sino a quando non ottiene l’esito dal laboratorio che ha eseguito l’analisi. Una procedura di sicurezza giusta, alla quale è del tutto inutile sottoporsi se non si hanno sintomi e se non si è stati esposti ad un rischio concreto di contagio».

 

Continua a leggere
Pubblicità

Caserta e Provincia

Il contagio straripa nel casertano: 4 morti e 576 nuovi casi. Positivo un tampone su 3

Pubblicato

in

Sono ancora numeri allarmanti quelli che arrivano dal report quotidiano dell’Asl di Caserta che segnala 576 nuovi casi su 1836 tamponi processati (pari al 31,3%) ed aggravati dai nuovi quattro decessi che vengono segnalati.

Due sono di persone residenti ad Aversa, gli altri a Lusciano e Marcianise. Purtroppo non si segnalano nuovi guariti, mentre gli attuali positivi schizzano a 4312 persone. Dati che destano molta preoccupazione quelli arrivati dall’Asl di Caserta sui contagiati delle ultime 24 ore. Sono 576 i nuovi positivi su 1836 tamponi processati. Quattro le persone decedute nelle ultime ore. In totale, gli attuali positivi in tutta la provincia di Caserta salgono a 4312. Dopo Marcianise e Orta di Atella, dichiarate zone rosse, altri sindaci sono preoccupati per la curva dei positivi che continua a salire ogni giorno. Come ad Aversa dove in 24 ore si sono registrati 50 nuovi casi portando il totale dei positivi a 277.

I nuovi positivi sono residenti ad Alife (3), Alvignano, Arienzo, Aversa (51), Baia e Latina, Caiazzo, Calvi Risorta (3), Cancello ed Arnone (4), Capodrise (8), Capua (4), Carinaro (6), Carinola (4), Casagiove (8), Casal di Principe (31), Casaluce (3), Casapesenna (6), Caserta (42), Castel Campagnano (2), Castel Campagnano (2), Castel Volturno (14), Cellole (4), Cervino (5), Cesa (16), Curti (2), Falciano del Massico (2), Formicola (2), Francolise (3), Frignano (6), Gioia Sannitica (2), Grazzanise (6), Gricignano d’Aversa (15), Lusciano (5), Macerata Campania (2), Maddaloni (29), Marcianise (41), Marzano Appio, Mondragone (6), Orta di Atella (32), Parete (4), Pastorano (3), Piedimonte Matese (5), Pietramelara (3), Pietravairano, Pignataro Maggiore, Portico di Caserta (4), Recale (4), Riardo (2), Roccamonfina, San Cipriano d’Aversa (16), San Felice a Cancello (30), San Marcellino (7), San Marco Evangelista (3), San Nicola la Strada (16), San Prisco, Santa Maria a Vico (22), Santa Maria Capua Vetere (9), Sant’Angelo d’Alife, Sant’Arpino (22), Sessa Aurunca (8), Succivo (5), Teano (6), Teverola (9), Trentola Ducenta (8), Vairano (5), Valle di Maddaloni, Villa di Briano (8), Villa Literno (13).

Continua a leggere
Pubblicità

DALLA HOME

Pubblicità

Iscriviti alla Newsletter

Inserisci la tua email:

Gestito da Google FeedBurner

Le Notizie più lette