“I generali fanno le strategie, i soldati combattono”. La frase centrale di Gomorra sembra calzare metaforicamente a pennello alla vicenda-aeroporto di Salerno. Il dato tecnico è il seguente: lunedì la firma dell’atto aggiuntivo in sede Enac,documento propedeutico al rilascio della concessione definitiva alla SpA di gestione, ieri la firma del decreto interministeriale che spiana la strada al completamento di un iter, ad oggi, concluso solo ‘sostanzialmente’.
Il dato politico è il seguente: ieri De Luca, a margine dell’avvio dei lavori del tunnel ferroviario a Salerno, aveva parlato della mancanza di “un ultimo timbro”, attribuendo a sé meriti e frutti “di un lavoro immane…”, contestualmente schernendo “un sottosegretario delle 5 Stelle evanescente e che dice fesserie…” (vedi video con dichiarazioni De Luca). Nel mirino, indirettamente, finiscono Andrea Cioffi (senatore, sottosegretario salernitano al Ministero dello Sviluppo Economico) e, ovviamente, il ministro pentastellato Danilo Toninelli.
Giù un diluvio di reazioni, di cui due esemplificative: la prima, a valle della firma apposta al Ministero dei Trasporti, è proprio del senatore Cioffi:
“È un grande piacere sapere che colui che ‘domina’ Salerno dal 1992 affermi che per chiudere la questione relativa all’aeroporto di Salerno manchi solo un timbro. Strano che negli ultimi 27 anni di ‘regno’ non sia riuscito a farlo apporre! Non si preoccupi troppo, stiamo lavorando speditamente, il Movimento 5 Stelle riuscirà a raggiungere
l’obiettivo nel minor tempo possibile. Infatti l’iter prosegue: lunedì c’è stata la firma dell’atto aggiuntivo tra Enac e la società aeroportuale, quest’atto era propedeutico alla concessione totale, che è un decreto interministeriale tra il MIT e il MEF. Il decreto è stato firmato del Ministro Danilo Toninelli, adesso andrà alla firma del Ministro Giovanni Tria e successivamente alla Corte dei Conti. Quindi non manca solo un timbro, però ci meravigliamo del Governatore, anzi dell’ex vice Ministro dei Trasporti, che non conosce la procedura, ci verrebbe da pensare che forse non ha studiato abbastanza…”.
La seconda è del Consigliere regionale Luca Cascone, presidente della IV Commissione Trasporti, che pubblica lo stralcio di documento e fornisce la propria versione: “Solo frutto del lavoro! Siamo vicini al risultato più importante ed a pochi passi dall’avvio dell’ennesimo importante tassello per la definitiva
consacrazione del nostro territorio. Da qualche ora un susseguirsi di telefonate e rallegramenti per la firma del Decreto Interministeriale da parte del MIT, ora manca solo il MEF. Qualcuno potrà avermi trovato ‘freddo’ nel commentare la notizia ma semplicemente sono realista, un po’ come quando all’Università prendevi un bel voto ad un esame dopo aver studiato incessantemente per mesi, notte inclusa, alla fine erano più contenti i nostri genitori. Solo la tenacia e la visione del Governatore De Luca e della sua Giunta ci ha portato fino a questo punto. Questa è la verità, insieme a tutti i compagni di questa avventura, ho vissuto ogni singola ora, ogni singola riunione, ogni singola assemblea, ogni singolo atto, documento, parere e timbro di questi ultimi due anni (e non solo). Ero presente quando con il Governatore abbiamo condiviso il percorso di fusione, ed ero presente quando abbiamo avviato con l’AD Brunini il progetto di fusione che ha dato solidità a tutto. Ero presente quando eravamo sull’orlo del fallimento della SPA ed abbiamo dovuto avere coraggio a credere nel progetto. Ero presente nelle riunioni difficili ed in quelle dove si pensava al futuro più roseo. Ero presente quando abbiamo scelto di investire oltre 150 milioni sul territorio per le infrastrutture funzionali all’aeroporto e quando servivano 50.000 € per evitare un pignoramento. Per tutti questi momenti sono consapevole e convinto che l’imminente concessione globale di 24 anni, di cui questa firma è il primo tassello, non è un favore ricevuto ma l’insieme di un progetto complessivo che, con tenacia e perseveranza, si sta concretizzando essendo frutto di un lavoro immenso. Custodisco con me da mesi la bozza del decreto avuto in anteprima, si sono contento, ma la firma è un atto dovuto! Molto abbiamo ancora da fare per completare tutte le fasi del progetto, ma si sta realizzando uno degli obiettivi più importanti per il completo sviluppo di Salerno, della sua provincia e dell’intera Campania. Io so chi dobbiamo ringraziare: tutti quelli che ci hanno lavorato e tutti gli amministratori di Consorzio e SPA che si sono presi tante responsabilità solo per il bene del nostro territorio”.

Renato Pagano
Contenuti Sponsorizzati