Morì nel Centro di Igiene Mentale: chiesto il processo per sette medici

SULLO STESSO ARGOMENTO

Sette medici rishiano il processo per ma morte di Massimiliano Malzone, l’uomo di trentanove anni di Montecorice in provincia di Salerno, morto l’8 dicembre del 2015 nel centro di igiene mentale dell’ospedale di Sant’Arsenio dov’era ricoverato a seguito di un trattamento sanitario obbligatorio. Tre di questi medici sono già condannati per il caso Mastrogiovanni. Il caso rischiava di essere archiviato, così aveva deciso la Procura della Repubblica di Lagonegro, ma grazie all’opposizione presentata dal legale della famiglia Malzone, le indagini sono proseguite. Nel registro degli indagati, come riporta Il Mattino, sono finiti sette dipendenti dell’ospedale che ebbero in cura l’uomo di Motecorice durante i giorni di ricovero nella struttura sanitaria del Vallo di Diano. Per tutti è arrivata la richiesta di rinvio a giudizio e a febbraio si terrà l’udienza preliminare. Rischiano un nuovo processo Rocco Barone, Raffaele Basso e Americo Mazza, tre medici già condannati per la morte di Francesco Mastrogiovanni, il maestro di Castelnuovo Cilento deceduto nel reparto di psichiatria dell’ospedale San Luca di Vallo. Malzone fu ricoverato a Sant’Arsenio proprio perché il reparto di Vallo all’epoca era chiuso ed è stato riaperto di recente. Per la morte di Malzone rischiano il processo anche i medici Rosina Baiotta, Cristina Cerruti, Antonio Mautone e Alfonso Pace. L’accusa è di omicidio colposo perché avrebbero tenuto comportamenti “negligenti ed imprudenti nonché omissivi del monitoraggio del profilo cardiologico del paziente durante il trattamento farmacologico neurolettico”. Malzone morì dopo dodici giorni di ricovero in seguito ad un arresto cardiaco provocato dall’azione di una serie di medicinali che gli erano stati somministrati. Ai familiari fu consegnato uno zaino contenente delle maglie intime sporche di urina. Dalla relazione del medico legale emerse che il trentanovenne fu sottoposto a contenzione fisica, ma non continua e mai con il blocco di tutti gli arti.







LEGGI ANCHE

Oroscopo di oggi 24 febbraio 2024

Oroscopo di oggi 24 febbraio 2024: le previsioni dello zodiaco segno per segno Ariete: oggi potresti sentirti particolarmente energico e determinato a raggiungere i tuoi obiettivi. È il momento ideale per mettere in pratica le tue idee e per concentrarti sulle tue passioni. Toro: potresti sentirti un po' confuso riguardo alle tue priorità e ai tuoi obiettivi. È importante prenderti del tempo per riflettere e per capire cosa è veramente importante per te. Gemelli: oggi potresti essere...

Camorra, 50 anni di carcere per il racket del pane ai nuovi Lo Russo di Miano

I nuovi capi del clan Lo Russo di Miano, accusati di estorsione aggravata, per il cosiddetto racket del pane hanno incassato 50 anni di carcere. Lee condanne hanno riguardato Salvatore Di Vaio, 48 anni, detto "Totore o' Cavallo",  Alessandro Festa, 24 anni, Cosimo Napoleone, 33 anni, Fabio Pecoraro, 26 anni, Giovanni Perfetto, 59 anni, detto "o' mostr ("il mostro", ndr) e Raffaele Petriccione, 25 anni, detto "Raffaele o' pazz" sono stati condannati a 7 an...

Qualiano, 15enne in giro con tirapugni, coltello e proiettile

Un 15enne di Qualiano è stato denunciato per il possesso di armi dopo essere stato fermato dai carabinieri in sella a uno scooter senza assicurazione. Durante un controllo alla circolazione, i militari hanno scoperto un tirapugni, un coltello a scatto di 21 centimetri e 49 cartucce a salve nascoste nel sottosella del veicolo. Il giovane, che era in compagnia di un amico,  è stato trovato particolarmente nervoso al momento dell'arresto. Il materiale è stato sequestrato insieme allo...

Napoli, gli affari di Michele Scognamiglio il “guru” del riciclaggio internazionale

Il mago del riciclaggio, il napoletano Michele Scognamiglio aveva messo in piedi una  centrale capace di ripulire ben 2,6 miliardi di euro in cinque...

Napoli, figlia e sorelle del boss nelle case popolari del rione Amicizia. I nomi dei 16 indagati

La Procura di Napoli ha indagato 16 persone per l'occupazione abusiva di case popolari nel Rione Amicizia a Napoli. Tra gli indagati ci sono...

IN PRIMO PIANO

LE VIDEO STORIE