Seguici sui Social
Privacy Policy Cookie Policy

I fatti del giorno

Legami con la camorra, pesanti condanne ai fratelli Ragosta

Pubblicato

in



Arriva la condanna dopo sette anni dall’inizio delle indagini per i e mogli ma anche per i più stretti collaboratori. Passa la richiesta dell’accusa, il giudice del tribunale di Nola firma condanne in primo grado che vanno oltre a quanto richiesto dal pubblico ministero. “I Ragosta – scrivono i pm – ricevevano i proventi delle attività criminali del clan camorristico Fabbrocino nella consapevolezza della loro origine delittuosa e stabilmente provvedevano a reinvestirli in attività illecite e lecite, per conto del sodalizio di cui erano diventati stabili partner economici, fornendo un rilevante contributo al raggiungimento delle finalità dell’ente mafioso”. Sono 15 anni di reclusione per Francesco Ragosta, per lui una condanna per concorso esterno in associazione camorristica, bancarotta e rimpiego di denaro sporco con l’aggravante del fine mafioso. Fedele e Giovanni dovranno, invece, scontare 14 anni. I due sono stati condannati per concorso esterno in associazione. Per gli altri imputati cadono le accuse di camorra, per Concetta Adiletta, moglie di Francesco, è stata inflitta è una condanna a sette anni e 7mila euro di multa per ipotesi di reimpiego di denaro ma senza fine mafioso. La moglie di Fedele, Anna Maria Iovino, è stata condannata a sette anni di reclusione, lo stesso per la moglie di Giovanni Ragosta, Carmela Vanacore. Dovranno scontare quattro anni Ersilio Giannino, Francesco Greco e Giorgio Del Gado. Per il primo anche una multa di 4mila euro. Tre anni e quattro mesi invece per Giovanni Ambrosino, Luigi Scala e Giuseppe Virzo. I giudici hanno disposto anche la confisca dei beni sequestrati anni fa ai Ragosta.

Continua a leggere
Pubblicità

Campania

Viola la quarantena per andare a votare, seggio chiuso per 2 ore

Pubblicato

in

viola quarantena

Viola la quarantena per andare a votare, seggio chiuso per 2 ore.La donna era in isolamento per aver avuto contatti con un parente positivo. Segnalata alle forze dell’ordine.

 

Casagiove dove un seggio è stato chiuso due ore tra l’ora di pranzo e le 15,30 del pomeriggio. Una donna in isolamento domiciliare, in quanto parente di una persona positiva, si è recata al seggio per votare.

Immediatamente è scattato l’allarme con le operazioni di sanificazione che si sono rese necessarie. Da una prima ricostruzione pare che la donna si sia sottoposta al tampone nei giorni scorsi e che il risultato sia stato negativo. Nonostante ciò, però, non le sarebbe stato comunicato il via libera da parte dell’Asl per potersi muovere sul territorio. Di qui la segnalazione dell’accaduto alle forze dell’ordine che adesso dovranno valutare un’eventuale denuncia.

Continua a leggere



Cronaca Napoli

Napoli, concerto di un neomelodico non autorizzato a Pianura: arriva la polizia

Pubblicato

in

pianura neomelodico

Napoli. Alle due circa di stanotte gli agenti del Commissariato Pianura sono intervenuti in via Vicinale Sant’Aniello dove era stato segnalato un concerto.

Gli agenti, nel piazzale antistante uno stabile da cui proveniva della musica e una voce maschile, hanno visto circa 200 persone assembrate intente ad intonare canzoni.
Poco dopo, hanno visto scendere dall’edificio un uomo che, tra la folla, è salito a bordo di un’auto per allontanarsi.

I poliziotti hanno accertato che l’uomo, un noto cantante neomelodico, si era esibito in forma privata presso l’abitazione di un fan in occasione della comunione di un bambino e che, durante l’esibizione, molte persone del quartiere si erano assiepate all’esterno per ascoltare la musica.

Continua a leggere



Pubblicità

Pubblicità

DALLA HOME

Iscriviti alla Newsletter

Inserisci la tua email:

Gestito da Google FeedBurner

Le Notizie più lette