HomeCronaca GiudiziariaMafia, il nuovo pentito: 'Non voglio soffrire più, voglio cambiare vita'

Mafia, il nuovo pentito: ‘Non voglio soffrire più, voglio cambiare vita’

google news

“Voglio cambiare vita e non voglio soffrire piu'”. Ha deciso di collaborare con la giustizia il pluripregiudicato barese Nicola Sedicina, tra le 25 persone arrestate due giorni fa nell’ambito dell’inchiesta della Dda di Bari nei confronti dei clan Mercante e Strisciuglio. Sedicina e’ in carcere dal 4 aprile con le accuse di ricettazione, spaccio, detenzione di armi, e lo stesso giorno ha dichiarato di volersi pentire. Il verbale riassuntivo delle sue dichiarazioni e’ stato depositato oggi nell’udienza preliminare nei confronti di otto affiliati al clan Strisciuglio accusati dell’omicidio del pregiudicato Luigi Luisi, ucciso nell’ottobre 2016, e di quello di suo figlio Antonio, ammazzato nell’aprile 2015 in un agguato nel quale rimase ferito anche il padre, vero obiettivo dei sicari. Nel breve verbale depositato in aula, Sedicina spiega di voler collaborare con la giustizia perche’ vuole cambiare vita. Racconta brevemente la sua storia criminale, dal rito di affiliazione nel carcere di Foggia nel 2008, con “un taglietto a croce sul pollice della mano destra”, fino alla sua attivita’ di spacciatore per conto del clan. Il nuovo pentito del gruppo mafioso degli Strisciuglio annuncia di essere a conoscenza di dettagli sull’omicidio Luisi, ma anche su altri fatti di sangue e sull’organizzazione delle attivita’ di spaccio di droga e traffico di armi, fatti di cui riferira’ agli inquirenti nelle prossime settimane. Dalle dichiarazioni fin qui rese note emerge, inoltre, che il giovane pentito temeva per la sua vita. “Avevano il sospetto che fossi un confidente della Polizia”, racconta riferendo di aver saputo “che volevano colpire anche me”, motivo per il quale “ero sempre armato, nascondevo l’arma nel mio ciclomotore”. Dopo il deposito del verbale, i difensori degli imputati per gli omicidi di Antonio e Luigi Luisi hanno chiesto un rinvio dell’udienza, riservandosi se scegliere eventuali riti alternativi alla prossima udienza del 5 giugno.

Redazione Cronache
Redazione Cronachehttps://www.cronachedellacampania.it
Siamo la redazione di Cronache della Campania. Sembra un account astratto ma possiamo assicurarvi che è sempre un umano a scrivere questi articoli, anzi più di uno ed è per questo usiamo questo account. Per conoscere la nostra Redazione visita la pagina "Redazione" sopra nel menù, o in fondo..Buona lettura!

La Newsletter di Cronache

Ogni giorno nella tua mail le ultime notizie

google news
spot_img

Leggi anche

Napoli, picchiati due giovani del Pride: denunciati un 18enne e un 16enne

Questa mattina i carabinieri del nucleo radiomobile di Napoli e quelli della stazione di Borgoloreto hanno denunciato un diciottenne e un sedicenne della provincia...

Camorra, arrestato a Dubai Marina il latitante “Ciro Ciro” Filangieri

Camorra, arrestato a Dubai Marina il latitante "Ciro Ciro" Filangieri. Questa mattina presso lo scalo aeroportuale di Capodichino personale della Polizia di Stato, a seguito...

Morto il regista Peter Brook, aveva 97 anni

E' morto Peter Brook, leggenda del teatro e uno dei registi piu' influenti del 20esimo secolo. Il maestro di teatro, che aveva 97 anni, era...

Sorrento, incendio in un albergo: poliziotti evacuano gli ospiti e domano le fiamme.

Incendio in uno hotel a Sorrento, poliziotti evacuano gli ospiti e domano le fiamme con l'aiuto dei vigili del fuoco. Venerdì sera gli agenti del...

CRONACHE TV

spot_img

IN PRIMO PIANO

Pubblicita