Napoli http://www.booked.net
+18°C

Seguici sui Social

Politica

Torre Annunziata, il crollo di rampa Nunziante finisce in Parlamento

Redazione Cronache della Campania

Pubblicato

il




“Dopo il crollo di Torre Annunziata, sulla questione sicurezza e prevenzione che investe in maniera drammatica tutto il territorio e le infrastrutture del Paese, abbiamo presentato immediatamente un’interrogazione al ministro Galletti”. cosi’ in una nota il deputato di Mdp Arturo Scotto. “Abbiamo chiesto conto del piano “Casa Italia” – ha sottolienato – lanciato dal Governo poco dopo il sisma dello scorso agosto e per il quale erano state annunciate cospicue risorse. Oggi per quel piano sono stati stanziati solo 25 milioni di euro. Inoltre lo abbiamo interrogato sul “fascicolo di fabbricato”, documento che dovrebbe attestare la stabilita’ degli edifici e nel quale dovrebbero essere registrati tutti gli interventi. Ad oggi ancora non e’ previsto per legge, malgrado i proclami. Gli abbiamo chiesto come intenda affrontare con urgenza il grave problema della sicurezza degli edifici, con particolare riferimento alle regioni del Meridione d’Italia. Il ministro ha risposto che su Casa Italia, la struttura ha presentato al Presidente del Consiglio dei ministri un rapporto sulla promozione della sicurezza dai rischi naturali del patrimonio abitativo, il quale contiene, oltre ad una ricognizione sistematica dei problemi riscontrati in tale settore, anche la proposta di 9 specifici piani di azione. Tra questi – ha ribadito – sono previste, in particolare, tre azioni direttamente finalizzate ad intervenire sulla vulnerabilita’ degli edifici residenziali. Due di questi interventi hanno trovato copertura finanziaria : il primo riguarda un programma di diagnostica speditiva esteso agli edifici caratterizzati da maggiore rischio sismico. Il secondo riguarda l’attivazione di 10 cantieri sperimentali sul territorio italiano, finalizzati a sperimentare soluzioni non invasive di riduzione della vulnerabilita’ e a comprenderne le condizioni per una piu’ ampia diffusione sul territorio nazionale, con oneri a carico dello Stato stimati in 25 milioni di euro. Un terzo intervento prevede la costituzione di un archivio informatizzato in cui far confluire tutte le informazioni di cui gia’ oggi le pubbliche amministrazioni dispongono a livello di singolo edificio” Sono tutte iniziative che possono essere utili – ha poi concluso Scotto – solo se sono inserite all’interno di un piano generale di manutenzione del territorio, con regole e tempi precisi. Non si tratta di sperimentare, ma di scegliere perche’ i rischi sono ancora molto alti, soprattutto nel mezzogiorno”.

Link Sponsorizzati

Politica

I Cinque Stelle: ”Si faccia chiarezza sul servizio civile fantasma a San Giorgio a Cremano”

Redazione Cronache della Campania

Pubblicato

il

“Da tempo, a San Giorgio a Cremano, 20 giovani volontari presterebbero servizio di assistenza domiciliare ad altrettanti anziani, dopo un accordo stipulato e rinnovato in via esclusiva tra un’associazione che opera nel settore del servizio civile e due sindaci che si sono avvicendati in questi anni nel comune vesuviano: Domenico Giorgiano e Giorgio Zinno.
Eppure, nonostante l’accordo preveda la presenza dei volontari presso i locali del Municipio, nessuno di questi giovani ha mai messo piede in Comune. Del tutto oscuri sono i criteri di selezione di questi giovani, né sono note l’identità delle persone che usufruirebbero di assistenza domiciliare e le modalità attraverso le quali sarebbero state indicate come bisognose di assistenza.
Come non bastasse, di questo accordo e del fatto che sia attivo un servizio civile di volontariato, non ne sono mai stati al corrente i competenti uffici comunali, a cominciare dall’ufficio Servizi Sociali a cui sarebbe toccato individuare sul territorio persone meritevoli di assistenza domiciliare, essendo in possesso di una specifica anagrafe”.
E’ il contenuto di un esposto-denuncia presentato alla Procura di Napoli e alla Corte dei Conti della Campania dal senatore del Movimento 5 Stelle Sergio Puglia e dai consiglieri comunali M5S di San Giorgio a Cremano Danilo Cascone, Patrizia Nola e Rosaria Tremante.
Una vicenda venuta alla luce nei mesi scorsi, grazie ad una mozione dei consiglieri M5S e dopo successive richieste di chiarimento presso gli uffici competenti. A seguito di un’attività di accertamento che ha coinvolto funzionari comunali, è emerso che il Comune di San Giorgio aveva stipulato, fin dal 2005, un accordo con l’associazione “Insieme per la Vita” per ospitare 20 giovani volontari presso la propria sede, da destinare a servizi di assistenza domiciliare nell’ambito del progetto denominato “Sono ancora qui per te”.
Interrogato sulla questione durante una seduta di assise dal consigliere Cascone, il sindaco Zinno si è trincerato dietro un imbarazzante silenzio. Lo stesso dirigente comunale che ha ricostruito la vicenda, ha presentato denuncia presso le competenti autorità.
“E’ sconcertante immaginare che un ente che rappresenta lo Stato e che dovrebbe industriarsi ogni giorno per offrire servizi alle fasce deboli e opportunità a giovani del proprio territorio, si renda artefice di procedure così poco trasparenti”, ha dichiarato in conferenza il senatore Puglia.
“Ancora una volta in questo comune si scopre che la gran parte della popolazione viene esclusa da progetti di interesse comune, per agevolare un club ristretto di persone. Alla luce della nostra segnalazione, la Regione Campania ha deciso di revocare il progetto dell’associazione Insieme per la vita”, ha sottolineato il consigliere Cascone. “Il nostro lavoro, che dovrebbe essere di portavoce dei cittadini, diviene ad essere di ispettori.
Non svolgiamo le mansioni di consiglieri comunali, ma ci costringono a svolgere attività di detective impegnati a stanare irregolarità e procedure poco trasparenti che garantiscono privilegi ai cortigiani dei politici”, hanno dichiarato le consigliere Nola e Tremante.

Continua a leggere

Politica Campania

Presentazione delle attività del Garante dei detenuti, Samuele Ciambriello. Il commento di Rosa D’Amelio

Regina Ada Scarico

Pubblicato

il

In occasione della presentazione delle attività del nuovo Garante per i detenuti, Samuele Ciambriello, il presidente del Consiglio regionale della Campania, Rosa D’Amelio, dichiara: “Dobbiamo lavorare sulla presa in carico e il recupero di quante più persone possibili. Di lui – ha affermato – tutti conoscono l’impegno a difesa dei diritti dei detenuti e l’impegno sociale, io lo conosco da sempre”.
“Ricorderemo mercoledì il garante Adriana Tocco, la cui scomparsa ci ha lasciati tutti addolorati – ha continuato – e intendiamo continuare con fermezza in direzione dell’impegno tracciato da lei.
A Ciambriello ho detto cosa che ho molto a cuore come presidente del Consiglio, che riguarda soprattutto l’impegno a lavorare per i minori”.
“Questa regione ha molta delinquenza minorile e dobbiamo lavorare sulla presa in carico e recupero di questi tanti minori – ha concluso – Sono sicura che lo faremo con il sostegno di tutto il Consiglio”.

Continua a leggere

Politica

Casalnuovo: si attende la sfiducia del presidente del Consiglio comunale Giovanni Nappi

Regina Ada Scarico

Pubblicato

il

Mercoledì 25 ottobre prossimo si voterà per la mozione di sfiducia al presidente del Consiglio comunale di Casalnuovo di Napoli, Giovanni Nappi.
Nappi, che riveste la carica istituzionale dal 2015, è stato recentemente anche destinatario di intimidazioni e ha ricevuto una pallottola presso il suo studio privato.
“Mi piace pensare che le due cose siano assolutamente slegate, così come voglio credere che siano slegati dalle scelte politiche – e dalle intimidazioni- anche i recenti accadimenti in consiglio comunale” ha detto Nappi.
Ricordiamo che nell’ultimo consiglio comunale una persona dal pubblico ha iniziato ad inveire, scivolando a tratti in minacce, contro una parte dei consiglieri comunali, quella parte che stava tentando, democraticamente, di argomentare la propria richiesta di consiglio comunale al fine di fare luce su un argomento assolutamente di interesse collettivo: si parlava dell’ex Cinema Santa Lucia, immobile da anni dismesso, che sarà restituito alla città come un insieme di negozi.
La persona che ha inveito pare fosse il diretto interessato all’argomento all’Odg perché titolare di un permesso di costruire rilasciato proprio sull’immobile dismesso. Per tornare alla mozione di sfiducia, abbiamo chiesto a Nappi se l’eventuale sfiducia avrà ripercussioni sulle sue attività collaterali alle istituzioni: “Attendo con fiducia l’esito. Ognuna delle attività che porto avanti da anni, con passione e sacrificio, continuerà e anzi, se sfiduciato godrà del maggior tempo che avrò a disposizione non occupandomi più della presidenza”.
Il presidente Nappi è conosciuto per aver fondato il premio letterario “Una Città Che Scrive”, il primo della Città di Casalnuovo di Napoli. Un incarico che, che a differenza di quelli  politici, nessuna sfiducia potrà mai togliergli.

Continua a leggere

I più letti