Napoli http://www.booked.net
+18°C

Seguici sui Social

Ischia

“Cattivo Costume” all’Ischia Puppets Festival, il teatro di figura senza età. Da luglio a settembre la rassegna che ospita burattinai di tutto il mondo

Regina Ada Scarico

Pubblicato

il




Artisti di tutto il mondo si alterneranno all’Ischia Puppets Festival, la rassegna internazionale di teatro di figura che si tiene da luglio a settembre in via Cortese sull’isola di Ischia. A questa edizione 2017, tra i tanti artisti, saranno presenti il 14, 15 e 16 luglio (repliche alle ore 19:30, 21:30 e 22:30) anche i Cattivo Costume con un concerto spettacolo per la regia e l’adattamento di Gaspare Nasuto, uno straordinario artista tra i maestri della manipolazione dei burattini, impegnato a riscrivere la storia dei burattini napoletani. Lo spettacolo ‘O cunto e ‘a ‘mbasciata “La leggendaria storia di Giovanni Senzaterra”, nasce da uno studio sui cantastorie e cuntastorie dell’Italia meridionale miscelando con equilibrio e armonia, cunto e musica e teatro conferendo il giusto valore alle scene e alle maschere di “La domus di Pulcinella” che ha al suo attivo oltre vent’anni di produzione. Cattivo Costume è un progetto artistico nato nel 1993 dalla volontà, dalla creatività e dalla abnegazione di Marco Milone (autore, cantastorie e musicista) e di Roberta Ida Izzo (vocalist e performer). Tra musica e teatro, il duo si è mosso negli anni con sapienza e professionalità su tutto il territorio nazionale. Numerose le partecipazioni ai festival come numerose le esibizioni in concerti di piazza. Cattivo Costume vanta collaborazioni con diversi artisti italiani e ha realizzato sonorizzazioni per mostre pittoriche e scultoree, visite archeologiche musicate e teatri. Si tratta quindi di un progetto artistico di ampio respiro che fonde musica, poesia, mimo, teatro, visual. Un viaggio nel suono dal noise all’acustico tribale.

Regina Ada Scarico

 

Link Sponsorizzati

Attualità

Ischia, la mamma dei fratellini salvati dal terremoto incontra Minniti

Redazione Cronache della Campania

Pubblicato

il

Stamattina, Alessia Lucido Balestrieri, mamma di Pasquale, Mathias e Ciro, i tre bimbi miracolosamente salvati dalla casa crollata nel terremoto del 21 agosto scorso, a Casamicciola, e’ stata ospite del ministro dell’Interno italiano Marco Minniti a colazione, presso il Grand Hotel Punta Molino, sede del G7 dei Ministri dell’interno, in corso ieri e oggi a Ischia

Continua a leggere

Campania

Ischia. Pesca in area protetta, sanzioni di 2mila euro

Renato Pagano

Pubblicato

il

Nell’ambito dell’attività di controllo di natanti ed imbarcazioni in transito nelle aree ricomprese nel dispositivo di sicurezza marittima dell’evento G7 dei Ministri dell’Interno, l’equipaggio della Motovedetta della Guardia Costiera CP575 presso il tratto di mare tra Ischia e l’isolotto di Vivara, accertava la presenza di un natante da diporto con a bordo due pescatori sportivi.
Dopo aver eseguito i controlli di rito dell’unità, si accertava la presenza a bordo di prodotto ittico sotto taglia minima, nella fattispecie pesce spada e tonno rosso – nome scientifico “Thunnus Thynnus” nonché lampughe.
Ai pescatori sportivi venivano comminate sanzioni amministrative pari a circa 2,000 euro per la cattura dei predetti esemplari sotto taglia minima secondo la legge in vigore.
La Legge 28 luglio 2016, n. 154 “Deleghe al Governo e ulteriori disposizioni in semplificazione, razionalizzazione e competitività dei settori agricolo ed agroalimentare, nonché sanzioni in materia di pesca illegale” ha infatti cambiato il sistema sanzionatorio in materia di pesca ed acquacoltura così come precedentemente disciplinato dal Decreto Legislativo n. 4/2012 ed ha inasprito inoltre le sanzioni per la pesca di esemplari sottomisura.
I nuovi importi partono da un minimo di 1000 euro fino ad arrivare a un massimo di 75.000 euro (è previsto un raddoppio della sanzione qualora la violazione riguardi esemplari di tonno rosso o pesce spada).
L’applicazione delle sanzioni prevede che sia effettuata secondo criteri di proporzionalità. Infatti la nuova legge ha introdotto degli intervalli di peso del pescato, in modo da commisurare l’importo da pagare alla gravità dell’infrazione e quindi al prodotto ittico illecitamente pescato.
Gli esemplari di prodotto ittico venivano sequestrati e donati, una volta esaminati dal veterinario della ASL competente, ad un Istituto caritatevole Isolano in quanto non commercializzabile ma idoneo al consumo umano.
L’applicazione delle sanzioni prevede che sia effettuata secondo criteri di proporzionalità. Infatti la nuova legge ha introdotto degli intervalli di peso del pescato, in modo da commisurare l’importo da pagare alla gravità dell’infrazione e quindi al prodotto ittico illecitamente pescato.
Questo tipo di pesca, in particolar modo quella del novellame di tonno, incide profondamente sull’ecosistema marino. Il tonno, infatti, è un predatore in cima alla catena alimentare dal valore economico enorme sui mercati ittici nazionali ed internazionali. La sua assenza o diminuzione altera i rapporti preda predatore che condizionano inevitabilmente l’intero habitat marino. Anche a seguito di queste catture indiscriminate i quantitativi di tonno nel mediterraneo si sono considerevolmente ridotti portando l’esemplare a rischio estinzione. Per questo motivo la normativa comunitaria ha disposto progressivamente precise e restrittive norme per la cattura, vietando la pesca di esemplari inferiori ai 30 chilogrammi di peso o inferiore a 115 centimetri di lunghezza.
Le nuove norme interessano ovviamente anche i commercianti che acquistino prodotti provenienti dalla pesca sportiva. Infatti per tale violazione è prevista anche la sanzione della sospensione dell’esercizio commerciale da 5 a 10 giorni lavorativi a carico del trasgressore.
L’occasione è utile per ricordare che nella zone dell’Area Marina Protetta, l’attività di pesca sportiva è consentita comunque solo previa autorizzazione dell’Ente Gestore.
La Guardia Costiera di Ischia, auspicando una maggior sensibilità alla tutela del nostro mare, invita inoltre a far pervenire qualsivoglia tipo di segnalazione nel caso si dovessero riscontrare attività marittime anomale e di pesca professionale/sportiva in zone e tempi non consentiti.

Continua a leggere

Ischia

Anfora romana ritrovata nel mare di Ischia

Redazione Cronache della Campania

Pubblicato

il

“Abbiamo trovato nelle acque di Ischia, dell’Area Marina Protetta Regno di Nettuno, un’anfora risalente all’epoca romana”.
A riferirlo è l’archeologa Alessandra Benini. Il ritrovamento e’ avvenuto in diretta video e audio tra il sub che era nel sito di Aenaria e i media che hanno assistito ala diretta dalla sala multimediale di Ischia Ponte. La Benini ha illustrato in
particolare le caratteristiche di Aenaria, la città sommersa, mentre nella sala multimediale giungevano le immagini in diretta dal sito archeologico sottomarino. “Considerando il tirreno centro-meridionale, quindi da Gaeta a tutta la Calabria, tra
informazioni che abbiamo da bibliografia, quindi di siti visti e oggi non più conservati – ha proseguito la Benini – e siti
attualmente presenti, su circa 120 ben 80 ricadono nella Campania”. “Una possibile soluzione sarebbe, come avviene anche per alcuni monumenti a terra – ha continuato Alessandra Benini – darli in affidamento a diving o ad altre societa’ che ne
mantengano lo stato di conservazione e ne abbiano ritorno con delle visite guidate. Naturalmente presuppone una preparazione scientifica di chi li accompagna e materiale esplicativo di buon livello”.

Continua a leggere

I più letti