Calcio Serie A Ultime Notizie

Benevento: alti e bassi, frenate e nuove fiamme di mercato

Può accadere che trattative che sembravano ben avviate come quelle per Antei e Cataldi, per cui erano state approntate grosso modo pure le formule per il trasferimento in giallorosso, rispettivamente da Sassuolo e Lazio, subiscano un rallentamento. Mentre operazioni che apparivano come «impantanate» come quelle con Venuti con la Fiorentina e Djimsiti dell’Atalanta abbiano una accelerazione tale da approssimarsi alla definizione. Partendo da quanto accaduto sull’asse Firenze-Benevento, c’è da segnalare, ancora una volta, l’opera di mediazione del sindaco Mastella, che dopo aver sbloccato in una prima occasione il ritorno in prestito in giallorosso di Venuti, si è rivestito da «pontiere» per trovare un punto di collisione tra la nuova richiesta del Benevento di un «premio» di valorizzazione per l’esterno difensivo e la volontà della Fiorentina di non piegarsi. Alla fine la svolta è stata trovata proprio nel mezzo. La Fiorentina riconoscerà al club sannita un «bonus» (circa la metà di quello richiesto dai sanniti) se Venuti raggiungerà degli obiettivi personali nella prossima stagione. Nella serata le parti si sono sentite tra loro ed hanno raggiunto la sostanziale intesa. Oggi ci dovrebbe essere la formalizzazione dell’accordo ed anche, probabilmente, l’arrivo di Venuti in città, così da sottoporsi alle visite mediche e poter partire, già da domani, con il resto della squadra per il ritiro di Sestola oppure il calciatore toscano si aggregherà al gruppo direttamente sull’appennino modenese, ma, in ogni caso, iniziando la stagione, sin da subito, con il resto della squadra, cosa quest’ultima fortemente desiderata da Venuti, voglioso di rivestire la maglia giallorossa anche in Serie A. Ugualmente oggi, ci dovrebbe essere pure l’ufficializzazione con l’Atalanta del passaggio in prestito al Benevento del difensore albanese Berat Djimsiti (classe ’93), lo scorso torneo all’Avellino, che arriverà in giallorosso ancora con la formula del prestito, con la possibilità per il sodalizio di sannita di riscattarlo la prossima stagione. Ieri è stato trovato il pieno accordo tra i due club. Sempre oggi, Di Somma, prima di far rientro in Campania, proverà a stringere anche per Antei (ci sono gli interessamenti anche di Cagliari e Palermo) e Cataldi (si è inserita l’Udinese) proprio per mettere a disposizione di Baroni, ben quattro nuove pedine nello scacchiere del tecnico toscano, già alla partenza per il ritiro. Sarà difficile che oggi il Benevento riesca a calare il «poker», è più probabile che il dirigente di Castellammare di Stabia chiuda questa settimana con una «coppia» di acquisti e per le altre due trattative la definizione possa giungere nei giorni a venire. Decisamente più fredde e poco percorribili si sono rivelate altre piste battute da Di Somma in questi giorni. È sfumata l’opportunità di tesserare il portiere Radunovic sul quale Sartori, diesse dell’Atalanta, così si è espresso: «Il portiere partirà con noi per il ritiro. In 15/20 giorni lo valuteremo, poi vedremo. Di sicuro, qualora dovesse partire, la destinazione potrebbe essere Cesena oppure rimane all’Atalanta». Per il momento, con i bergamaschi non se ne fa nulla pure per l’esterno di centrocampo D’Alessandro. Quest’ultimo sta ricevendo la corte serrata del Bologna che offre un «blasone» maggiore rispetto ai sanniti. Con L’Udinese si è decisamente allentata la trattativa per il difensore Heurtaux ma è viva quella per l’esterno difensivo Faraoni che nei programmi sanniti potrebbe diventare l’alter ego di Venuti sulla fascia destra. Vero la definizione anche per Felicioli, con l’agente del calciatore ed il Milan che, a breve, definiranno il rinnovo di contratto per darlo in prestito ai giallorossi che lo hanno ufficialmente richiesto.


Link Sponsorizzati


Stai visitando Cronache della Campania OffLine