Rosy Bindi: “E’ stato saggio interloquire con i tifosi per la morte di Ciro Esposito”

“E’ stata saggia la scelta di interloquire con la tifoseria, non si poteva fare altrimenti, ma il problema che deve porsi è: se Genny ‘a carogna è in grado di avere questa autorevolezza, la società, deve avere una garanzia di non aver a che fare” con questi personaggi”. Così la presidente della Commissione parlamentare antimafia, Rosy Bindi, al presidente del Napoli Aurelio De Laurentiis, facendo riferimento alla finale di Coppa Italia Fiorentina-Napoli del maggio 2013 in cui si era stata diffusa la notizia della morte del tifoso Ciro Esposito. “Ero allo stadio trapelata la notizia che Ciro Esposito era morto e la curva del Napoli era in subbuglio. Io ero vicino al presidente del Senato, a Malagò e al presidente della Federcalcio. Ad un certo punto sono andato da Pecoraro dicendogli ‘devi dire che non è morto’. La polizia locale a quel punto accompagnò il Formisano (dirigente del Napoli, ndr) e il capitano del Napoli Hamsik per cercare di spiegare a questi signori che il loro tifoso non era assolutamente deceduto. Io non l’ho mai conosciuto, non era un interlocutore”, ha spiegato il presidente del Napoli Aurelio De Laurentiis.

La Redazione
Contenuti Sponsorizzati