I Cinque Stelle: “Una quarta linea per l’inceneritore di Acerra? Faremo le barricate con i cittadini”

 “Dopo l’aumento della capacita’ dell’inceneritore di Acerra gia’ inserito ad arte nel Piano rifiuti regionale ed oggi ribadito dal governatore, la giunta De Luca conferma la sua politica inceneritorista nell’ambito della gestione dei rifiuti, ponendosi in perfetta continuita’ con la linea tracciata dal governo Caldoro. Come al solito, di tutte le promesse fatte a proposito di rilancio del compostaggio e della tanto annunciata rivoluzione nel ciclo dei rifuiti, non restano che le chiacchiere e qualche foglietto in giro per i cassetti della Giunta”. È quanto affermano i consiglieri regionali del Movimento 5 Stelle. “De Luca oggi ha annunciato la costruzione di una quarta linea per l’inceneritore di Acerra – sottolineano i consiglieri pentastellati – ci opponemmo con forza a quel piano che presentava una visione vecchia e sorpassata della gestione dei rifiuti basata su incenerimento e discariche”. Viglione e Muscara’, membri della Commissione Ambiente, attaccano: “dopo la questione ecoballe, la giunta De Luca conferma la sua totale incompetenza nel trattare un tema cosi’ delicato come la gestione dei rifiuti”. “Si vuole continuare ad avvelenare un territorio gia’ martoriato, dove i fumi dell’inceneritore si sommano a quelli della Terra dei Fuochi. E’ – rimarca la capogruppo del M5S Valeria Ciarambino – un’agonia lenta e silenziosa per centinaia di migliaia di cittadini a cui questa pessima politica regionale fara’ pagare ancora una volta la sua totale incompetenza”. “Noi ci opporremo con tutte le nostre forze a questo scempio e insieme con i nostri consiglieri comunali saremo al fianco dei cittadini di Acerra e di tutto il territorio per lottare – concludono i consiglieri del Movimento 5 Stelle – contro l’ennesimo avvelenamento di massa che De Luca vuole propinare alla nostra gente e ai nostri figli”. 

Ciro Serrapica
Contenuti Sponsorizzati