“Per noi domani è una partita difficile mentalmente, però noi dobbiamo proseguire sulla nostra strada. Se basta meglio, vuole dire che abbiamo centrato un obiettivo intermedio”. Lo ha detto Maurizio Sarri, allenatore del Napoli, nel corso della conferenza stampa alla vigilia della gara contro la Fiorentina. Parlando della squadra viola, il tecnico azzurro: “La Fiorentina è una delle poche squadra che riesce a toglierci il possesso della palla e giocano con un modulo per noi problematico. Sono sempre state partite difficili, con il risultato in bilico e in più loro hanno giocatori di grande livello come Bernardeschi che è uno dei giovani italiani più forti”. Sarri è però determinato perchè “vogliamo arrivare in fondo al campionato così come abbiamo sempre fatto per proseguire a fare bene”. 

Il Napoli non e’ padrone del suo destino nella corsa al secondo posto “ma siamo soddisfatti di quello che facciamo e vorremmo arrivare in fondo per avere una base importante per continuare poi a far bene. Tifare per il Chievo? Ci deve interessare relativamente. Proseguiamo sulla nostra strada, se questo basta meglio, altrimenti vorra’ dire che abbiamo gettato delle basi”. Maurizio Sarri e il suo Napoli ci proveranno fino in fondo a sorpassare la Roma, di scena domani a Verona e sempre avanti in classifica, ma per garantirsi l’accesso diretto alla Champions dovranno intanto battere la Fiorentina. “Di fronte avremo una delle poche squadre che riesce a toglierci possesso per larghi tratti del match, e’ una gara vera e propria”, aggiunge il tecnico dei partenopei. 

Il rinnovo di Mertens? Sono contento ma ora la mia testa è solo alla Fiorentina. Ora per me è una notizia di contorno, ma sono soddisfatto. Chi ha il fatturato più alto vince? Mi sembra evidente. Ma per fortuna non è matematico e ogni tanto ci sono storie che si ricordano come il Leicester. Le persone però devono avere dei sogni. Il record di punti assoluto del Napoli e’ di 82 e siamo a tre punti dal batterlo. Vogliamo tutti i record, se poi questo consente di arrivare secondi, meglio, altrimenti abbiamo fatto quello che dovevamo fare.Il sogno scudetto e’ nostro e lo abbiamo anche perche’ quando le persone hanno un sogno lavorano meglio”. Lo ha detto il tecnico del Napoli Maurizio Sarri commentando il progetto di dare l’assalto al titolo nella prossima stagione. Sarri, commentando le parole di Carlo Ancelotti che ha ricordato il peso dei fatturati nella possibilita’ di vincere, ha detto: “E’ normale, come nella vita chi ha piu’ soldi puo’ comprare la macchina piu’ lussuosa. Ma non e’ matematico perche’ ogni tanto una storia sfugge a questa logica e sono storie che si ricordano, perche’ sono rare, come quella del Leicester. Ma e’ chiaro che chi fattura un miliardo puo’ comprare un giocatore di 100 milioni e chi fattura duecento milioni puo’ comprarne uno da trenta. Spesso quello da cento milioni ti fa vincere, ma non e’ sempre così”.

La Redazione
Contenuti Sponsorizzati