Arzano, pochi giorni alla presentazione delle liste, la gente sfiduciata dal finto nuovismo

Arzano – Pochi giorni alla presentazione delle liste, la gente sfiduciata dal finto nuovismo. In città arrivano altri migranti. M5S e la coalizione di Esposito che annoverano tra i simpatizzanti e candidati stretti congiunti delle strutture ospitanti, fanno calare il silenzio. Nella città che ha ispirato il best seller “Io speriamo che me la Cavo”, sta destando sconcerto la corsa di nipoti, affini e parenti di noti amministratoti locali e imprenditori con forti interessi sul territorio. Infiltrati nemmeno velatamente in alcune liste che sostengono l’uno o quel candidato. Nella compagine che sostiene Fiorella Esposito, composta dagli ex di Rifondazione, ABC (ex socialisti), gli ex Pd (DS) con “Uniti con Fiorella Sindaco” e De.ma: nonostante la pubblicizzata discontinuità con il passato da parte di alcuni, non è facile imbattersi in nomi espressione diretta di imprenditori che da circa trent’anni hanno gestito Arzano, e qualcuno ha anche rappresentato e organizzato una delle liste nonostante faccia riferimento allo scioglimento per camorra del 2008. Ma Fiorella Esposito, esperta sindacalista, sicuramente non lascerà che siffatti personaggi rimettano le mani sulla città determinando ancora una volta le libere scelte di una futura amministrazione. Stessa cosa per De Mare che ha escluso dalle liste i poteri forti e in colletti bianchi. Soggetti che ora attraverso i loro “delfini” avrebbero avviato campagne di delegittimazione inviando, pare, anche i loro “dossier prestampati” a parlamentari e segreterie di partito. Intanto la corsa a palazzo prosegue, nonostante le chicchere e le false notizie. Tant’è che l’ex candidato sindaco del Pd Salvatore Borreale sempre pronto a dare battaglie di legalità, con grande senso di responsabilità, ha inteso appoggiare l’ex consigliere regionale Gennaro De Mare. Il M5s va avanti spedito anche se la città è stanca del solo parlare. E il candidato Domenico Aria invece, avrebbe optato dopo le riunioni frattesi e nappine, di cedere la mano.
Ciro Bene

Contenuti Sponsorizzati