Napoli http://www.booked.net
+18°C

Seguici sui Social

Afragola

Afragola, due consiglieri Dem votano contro il bilancio: “bacchettate” dal partito

Redazione Cronache della Campania

Pubblicato

il




“Appare ingiustificabile quanto verificatosi nella seduta odierna del Consiglio comunale di Afragola, convocato per l’approvazione del bilancio di previsione 2017-2019. La decisione dei consiglieri Concas e Montefusco di esprimere voto contrario e’ frutto di una scelta individuale che non condividiamo ne’ giustifichiamo”. Lo affermano in una nota congiunta Venanzio Carpentieri, segretario del Pd metropolitano di Napoli, e Assunta Tartaglione, segretario regionale del Pd Campania. “Nonostante i ripetuti inviti a ristabilire il dialogo e le iniziative a tal fine promosse dal commissario cittadino, Salvatore Piccolo – aggiungo Tartaglione e Carpentieri – questa mattina i due consiglieri hanno assunto un comportamento inqualificabile ed inammissibile. Siamo dell’avviso che a fronte di simili comportamenti del tutto incompatibili con i principi che ispirano la nostra formazione politica vadano assunti con il massimo rigore da parte degli organismi di garanzia tutti i provvedimenti previsti dallo statuto per situazioni di questo tipo”. 

Link Sponsorizzati

Afragola

Afragola, rifiuti seppelliti sotto la Tav: parte il carotaggio dei terreni

Redazione Cronache della Campania

Pubblicato

il

I Carabinieri forestali hanno avviato i carotaggi nel terreno del parcheggio ovest della stazione Tav di Afragola, disposti dalla Procura di Napoli Nord che nel luglio scorso decise il sequestro probatorio dell’area.
L’ipotesi dei pm – l’aggiunto Domenico Airoma e il sostituto Giovanni Corona -e” che al di sotto dell’area di sosta siano stati interrati illecitamente dei rifiuti, di natura da definire, come accaduto in varie zone del Napoletano e del Casertano nei decenni scorsi.
Gia’ pochi giorni dopo l’apertura i carabinieri chiusero il bar e il parcheggio della stazione per irregolarita’ amministrative, in quanto mancavano le necessarie autorizzazioni. La stazione, realizzata su progetto dell’archistar Zaha Hadid, e’ stata inaugurata a giugno dal premier Gentiloni.

Continua a leggere

Afragola

Blitz dei carabinieri ad Afragola: in manette due pusher

Redazione Cronache della Campania

Pubblicato

il

Nel corso di un servizio di contrasto ai reati in materia di armi e stupefacenti, i carabinieri del nucleo investigativo di Castello di Cisterna e delle compagnie di Castello e Casoria hanno arrestato, all’esito di 2 distinte perquisizioni domiciliari, Mauro Zanfardino, 33enne, di Afragola, trovato in possesso di 133 munizioni (di cui 33 da guerra), un caricatore per semiautomatica e un giubbotto antiproiettile e Assunta Bava, anche lei 33enne e di Afragola, per detenzione di 200 grammi di hashish (2 panetti).
Entrambi dopo le formalità di rito sono stati condotti ai domiciliari in attesa di giudizio.

Continua a leggere

Afragola

Camorra, chiedevano ‘soldi per sostenere i carcerati’: presi tre del clan Moccia di Afragola. I NOMI

Redazione Cronache della Campania

Pubblicato

il

 

I carabinieri del nucleo investigativo di Castello di Cisterna, con il supporto delle compagnie di Casoria, di Castello di cisterna e dell’elinucleo di Pontecagnano, hanno dato esecuzione a un decreto di fermo emesso dalla Dda. di Napoli a carico di 3 elementi del clan Moccia, attivo nel territorio di Afragola: sono ritenuti responsabili di tentata estorsione aggravata da finalità mafiose ai danni dei titolari di un ingrosso di frutta e verdura. Continue le minacce, nell’arco dell’ultimo mese, volte a ottenere il pagamento di 12.500 euro per continuare a portare avanti tranquillamente la loro attività e “per sostenere i carcerati”. Spezzato il giogo del racket, i carabinieri hanno associato i 3 al centro penitenziario di Secondigliano, dove restano dopo la convalida delle misure da parte del GIP di Napoli. Si tratta di Antonio Puzio, 33enne e dei 40enni Antonio Cinquegrana e Alessandro Iovinella. I tre devono rispondere di tentata estorsione aggravata da finalita” mafiose ai danni dei titolari di un ingrosso di frutta e verdura. Continue le minacce, nell’arco dell’ultimo mese, per ottenere il pagamento di 12.500 euro per continuare a portare avanti tranquillamente la loro attivita’ e “per sostenere i carcerati”. Il gip ha convalidato i fermi. Nel corso della perquisizione domiciliare nell’abitazione di Iovinella, i carabinieri hanno sequestrato una semiautomatica di fabbricazione slava con matricola abrasa e 4 cartucce nel serbatoio.

Continua a leggere

I più letti