Torre Annunziata, rivendeva il metadone del Sert ai tossicodipendenti: arrestato

Aveva messo in piedi un lucroso traffico di metadone che prelevava dal Sert e rivendeva ai tossicodipendenti. Raffaele Veneruso, 51 anni noto pregiudicato e tossicodipendente napoletano è stato arrestato dai carabinieri di Torre Annunziata su disposizione del gip Antonello Anzalone che ha emesso un’ordinanza di custodia cautelare nei suoi confronti. Dalle indagini, condotte dai militari delle stazione guidati dal maresciallo Egidio Valcaccia, è emerso che Veneruso, anche lui tossicodipendente, e con numerosi precedenti penali per droga, prelevava dal Sert di Torre Annunziata, al quale era iscritto, le dosi di metadone e le rivendeva alle stesse persone che aveva conosciuto all’interno delle struttura sanitaria. Molti di questi si lamentavano con lui del fatto che la quantità di metadone fornita dal Sert non era sufficiente ai loro fabbisogni. E Veneruso veniva loro in soccorso. I carabinieri hanno tenuto per circa un anno sotto controllo di telefono dell’arrestato. Il sistema era sempre lo stesso: bastava una telefonata e nel giro di poche ore Veneruso forniva “lo sciroppo” a chi lo richiedeva. Si viaggiava in Circumvesuvaiana: appuntamenti all’esterno delle stazioni di Torre Annunziata e Pompei. In alcuni casi Veneruso ha fornito metadone anche all’ex moglie, anch’ella tossicodipendente. Quando i clienti non aveva soldi Veneruso si faceva pagare anche con vestiti o scarpe.

 

Contenuti Sponsorizzati