Torre Annunziata, rapinarono migliaia di euro in gratta e vinci e tabacchi: condannati due rampolli del clan

Torre Annunziata. Rapinarono un bar-tabaccheria, portando via “gratta e vinci” e sigarette per migliaia di euro: condannati i due ‘banditi’. Si tratta di Domenico Arcobelli, di 27 anni, ed Enrico Balzano, di 22, entrambi di Torre Annunziata. Al primo, il gup del tribunale oplontino ha inflitto 3 anni e 4 mesi di reclusione. Il giovane è però stato scarcerato. Sconterà la sua condanna ai domiciliari. Per il suo complice, Enrico Balzano, genero del ras Umberto Onda, la pena è invece di 3 anni.

I due rapinatori furono sorpresi dai carabinieri a Boscoreale, lo scorso 21 settembre. Poco prima di essere arrestati, svaligiarono un noto locale di Poggiomarino. La rapina avvenne di notte, quando un passante diede l’allarme al 112, facendo scattare le indagini dei carabinieri che consentirono, poi, l’arresto in flagranza dei banditi di Torre Annunziata. Entrambi – secondo quanto ricostruito dagli inquirenti -aggredirono e minacciarono con una pistola i dipendenti del bar, impossessandosi di circa 250 pacchetti di sigarette, 270 “gratta e vinci” e quasi 3.000 euro in contante.

Messo a segno il colpo, Domenico Arcobelli ed il suo complice si diedero alla fuga in sella a 2 scooter con targa coperta. I carabinieri, al termine di un’accurata perquisizione, trovarono addosso ala coppia e nascosti nella sella del mezzo tutto il bottino: sigarette, gratta e vinci e 46 buste di tabacco. La refurtiva venne restituita al titolare del bar. Mentre i due banditi furono trasferiti in una cella del carcere di Poggioreale.

Monica Barba

La Redazione
Contenuti Sponsorizzati