Arrestato l’autista del tir che ha travolto gli operai sull’A10

La lunga fila creatasi dopo l'incidente in cui un tir ha travolto e ucciso due operai che lavoravano in un cantiere sulla A10, tra Albisola e Celle Ligure, 26 marzo 2017. ANSA/ANDREA CHIOVELLI

La Polizia stradale di Genova ha arrestato l’autista del tir, un romeno, che ha causato l’incidente sull’A10, nel quale sono morti 2 operai che erano al lavoro sull’autostrada. Oltre alle due vittime, un altro operaio ha riportato lesioni gravissime ed è ricoverato all’ospedale San Martino di Genova, mentre altri quattro operai hanno riportato lesioni non gravi ed sono stati trasportati all’ospedale di Savona. Il tir dopo aver sbandato ha invaso l’area di cantiere, regolarmente segnalato, investendo gli addetti presenti. A bordo dell’autoarticolato, di nazionalità spagnola, c’erano due autisti di nazionalità rumena. Coinvolta nell’incidente anche un’altra autovettura, sulla quale viaggiavano due italiani: entrambi sono feriti ma in modo non grave.

 L’autista arrestato, che è stato accertato essere alla guida del tir al momento dell’incidente, è un rumeno di 44 anni: è accusato di omicidio stradale colposo. La polizia ha inoltre sequestrato, per le successive verifiche tecniche, cinque veicoli tra cui l’autoarticolato spagnolo, l’autovettura in quel momento in transito e tre furgoni della ditta di manutenzione stradale parcheggiati all’interno del cantiere. Le sole corsie centrale e di sinistra interessate rimarranno chiuse fino a che sarà necessario per gli accertamenti ed i rilievi tecnici. Sarà quindi da subito percorribile la rimanente corsia di marcia. L’operaio rimasto gravemente ferito è ricoverato in prognosi riservata presso l’ospedale San Martino di Genova. Gli altri feriti non destano preoccupazioni, salvo un altro operaio, politraumatizzato, trasferito all’ospedale di Pietra Ligure al quale sono state diagnosticate fratture plurime, ma che non versa in pericolo di vita. 

La Redazione
Contenuti Sponsorizzati