Il sindaco della Spezia Massimo Federici insieme alla giunta comunale questa sera ha cenato al pub della Spezia in cui lavorava Gennaro Canfora, il ragazzo napoletano di 25 anni deceduto per meningite. “Abbiamo deciso di dare così un messaggio a tutte quelle persone che, per cattiva informazione, hanno deciso di non frequentare più questo locale che dà lavoro a tante persone. Ed è un posto sicuro”. Dopo il caso del giovane colpito da meningite di tipo C alla Spezia si è diffusa la psicosi e il locale, da ormai dieci giorni, resta vuoto. I dodici dipendenti, in parte a casa, hanno proposto alla titolare di non essere pagati, fino a quando le cose non torneranno come prima. “Tante persone ci sono state vicine – ha detto la titolare -. Tante altre invece hanno puntato il dito ingiustamente. Ci auguriamo che questa situazione finisca”. Nei giorni scorsi hanno frequentato il pub, come segno di vicinanza ai gestori del locale e per combattere la paura che si è diffusa, i dirigenti Asl e i commercianti del centro.

La Redazione
Contenuti Sponsorizzati