Un altro episodio di microcriminalità, ma con l’individuazione a tempo di record dei responsabili, è avvenuto l’altra notte  a porta Nolana: un 47enne napoletano della zona è stato accerchiato, picchiato e accoltellato a una gamba da tre giovani, due mag- giorenni e un minorenne, alla fine di un litigio scaturito per banali motivi. Sembra che il terzetto avesse cominciato a infastidire Francesco Raimo, intento a bere una birra con la moglie. I due avrebero reagito a qualche frase pronunciata dai tre amici o da uno di essi. Con molto coraggio, vista la palese inferiorità numerica, il 47enne non si sarebbe sottratto al corpo a corpo con i tre, avendone ovviamente la peggio. Ferito da una coltellata alla coscia destra, è stato accompagnato all’ospedale Loreto Mare dalla consorte e giudicato guaribile in 15 giorni dai medici di turno al pronto soccorso. Poi grazie alla descrizione fatta dai coniugi i poliziotti del commissariato Vicaria-Mercato (guidato dal dirigente Francesco Licheri) hanno risolto il caso grazie a indagini mirate che sono partite dall’identificazione di uno dei tre amici. Agli arresti domiciliari sono finiti Salvatore Esposito e Aristide  Ainone,entrambi della zona, accusati di lesioni, mentre per lo stesso reato è stato denunciato a piede libero C.F, non ancora 17enne.

 

La Redazione
Contenuti Sponsorizzati