Napoli http://www.booked.net
+18°C

Seguici sui Social

Attualità

Sanità e ospedale di Nola: attacco incrociato contro De Luca: “L’unico a dover essere licenziato”

Redazione Cronache della Campania

Pubblicato

il




Nola. Caos all’ospedale di Nola e organizzazione della sanità in Campania: attacco congiunto contro il presidente della Regione Vincenzo De Luca. “Per quanto è accaduto all’ospedale di Nola e per i bassi livelli di assistenza in Campania, l’unico a dover essere licenziato è De Luca”. Ha detto il portavoce territoriale di Azione Nazionale Salvatore Ronghi e il responsabile di An per la sanità, Daniele Masala, a margine di una conferenza stampa a Napoli. “Oltre alla ennesima brutta figura della nostra povera e martoriata Regione Campania, che ancora una volta appare ai mass media colpevole di malasanità, va aggiunto lo sdegno assoluto di noi medici ed operatori sanitari tutti per l’assurdo provvedimento disciplinare a carico dei colleghi di Nola”, ha aggiunto Masala per il quale “appare, infatti, assolutamente ingiustificabile il provvedimento disciplinare a carico dei medici e operatori sanitari”. “Le responsabilità per quanto accaduto – hanno rimarcato i due esponenti di Azione Nazionale – sono, dunque, di natura politica e legate all’assenza di una valida pianificazione dell’offerta sanitaria, un problema incancrenito dal perdurare dei commissariamenti che spesso sono utilizzati come alibi dalla malapolitica”.

Attacchi a De Luca arrivano anche dal capogruppo di Forza Italia del Consiglio Regionale della Campania, Armando Cesaro per il quale “è evidente che lo scandalo dell’ospedale di Nola ha un solo responsabile: l’assessore regionale alla Sanità Vincenzo De Luca”. E poi continua: “Ad aprile scorso il governatore Vincenzo De Luca chiese al Consiglio regionale di approvare d’urgenza, senza nessun passaggio nelle Commissioni, le nuove norme istitutive del Sistema Integrato Regionale per l’Emergenza Sanitaria, la legge regionale 13/2016 licenziata poi a maggio. Queste norme, secondo quanto affermò lo stesso De Luca in Aula, avrebbero risolto per sempre lo scandalo dell’emergenza barelle. Pura propaganda di chi insegue i titoli e non le soluzioni ai problemi: da allora sono infatti passati quasi dieci mesi senza che nulla sia stato fatto. Ad oggi, infatti non risulta riallocata la nuova Centrale Operativa di coordinamento dei trasferimenti con ambulanze”. Cesaro ricorda le affermazioni di De Luca a luglio scorso: “A luglio scorso sottolineò testualmente: non vi appassionate per l’Assessore alla Sanità, c’è già e non ci sarà, l’ho messo nel programma. Ho detto che avrei seguito io la sanità”. “Adesso – conclude Cesaro – De Luca ha il dovere di far revocare immediatamente il provvedimento di sospensione ai medici del presidio ospedaliero di Nola”.

“Leggo dichiarazioni sconnesse del vicepresidente della Regione Campania che in materia di sanità blatera di ‘eredità drammatica di malgoverno, disorganizzazione e clientela politica’. Mentre leggevo pensavo che costui stesse parlando di se stesso, di De Luca, del delegato alla sanità sotto processo per le nomine, del capo segreteria indagato per le stesse beghe e allontanato come capro espiatorio. Invece no, questa gente, che puzza di frittura di pesce, non coglie proprio mai l’occasione per tacere. Neppure di fronte ai malati per terra negli ospedali”. Così, in una nota, Severino Nappi, responsabile nazionale politiche per il Sud di Forza Italia e vice coordinatore Forza Italia Campania con delega alle amministrazioni locali.

Fa una disamina di quello che sta accadendo negli ospedali della provincia di Napoli e in particolare a Nola, il deputato di Forza Italia, Paolo Russo:”Per decenni non c’è stato rispetto, a destra e a sinistra, per la domanda di salute e di servizi dei cittadini. Se un paziente infartuato necessita di un baypass o un’angioplastica di sera, a Nola lo possono solo stabilizzare perchè l’emodinamica funziona solo di giorno. E tutti sappiamo che i tempi di intervento sono cruciali in un infarto”. Due anni fa, inoltre, l’ospedale di Pollena Trocchia, che in parte alleggeriva il bacino di Nola, è stato chiuso. “Il primo vulnus è questo – dice Russo – e viene da lontano, dall’accorpamento delle Asl e la definizione delle aree di pertinenza dei singoli nosocomi campani. Così da ospedale per 15 comuni, Nola è diventato di fatto ospedale di tre province”. In questi anni non ci sono stati investimenti nè prese in carico dei problemi più volte segnalati anche dai medici, anzi “ci sono state inaugurazioni diverse del pronto soccorso e di mezze ali d’ospedale alle quali, invitato, ho preferito non andare. In più, se venivi candidato sindaco nel centrosinistra, anche se non vincevi, un posto da primario arrivava”. Da Vincenzo De Luca, più che richieste di licenziamento, il deputato forzista avrebbe voluto “un tavolo operativo con risorse per dare risposte a questo e altri pronto soccorso in cui i medici sono eroi. Medici ora schiacciati da un meccanismo demotivante, in cui o commettono omissione di soccorso o sono licenziati”. L’allarme su una possibile crisi nel ponte della Befana, con tre giorni e mezzo di poco presidio dei medici di base, in piena psicosi meningite e picco di influenza, “era ben noto – sottolinea Russo – e doveva provvedere chi governa le politiche della Sanità in Regione”.

Link Sponsorizzati

Attualità

Violentò la figlia minorenne, reato prescritto dalla Cassazione

Redazione Cronache della Campania

Pubblicato

il

La Corte d’Appello di Venezia non ha confermato una sentenza di condanna a 10 anni di reclusione pronunciata in primo grado dal Tribunale di Treviso a carico di un uomo accusato di aver ripetutamente abusato della figlia minorenne dal 1995 al 1998, a causa dell’intervento di una sentenza a sezioni unite della Corte di Cassazione – la 28.953 dello scorso giugno, innescata da un caso registrato nel napoletano – che ha accorciato i tempi della prescrizione.
Ne da’ notizia il Corriere del Veneto riportando la cronaca di fatti avvenuti nel trevigiano circa 20 anni fa, quando la vittima degli abusi aveva 8 anni. L’imputato, accusato delle violenze dalla stessa figlia, una volta diventata maggiorenne, si sarebbe reso responsabile di aver abusato sessualmente di lei e di averla anche “ceduta” ad altri conoscenti per almeno un triennio.
L’uomo era stato condannato dai giudici di Treviso ma, quattro mesi prima della conferma della condanna attesa nel processo d’appello, il 9 giugno scorso, un pronunciamento della Cassazione, ancora una volta su un caso di violenza sessuale su minorenni avvenuto in provincia di Napoli, aveva annullato l’effetto di allungamento del termine della prescrizione previsto in caso di “aggravanti ad effetto speciale” normalmente collegate a reati di violenza sessuale su minori di 14 anni.
La magistratura lagunare, che aveva fissato l’appello soltanto in questi ultimi giorni di ottobre, non ha potuto fare altro che dichiarare l’imputato non piu’ punibile per effetto della prescrizione: e cio’ nonostante sulle responsabilità dell’uomo, che non ha mancato di presenziare in aula certo dell’epilogo a lui favorevole, non ci siano dubbi.
La Corte d’appello di Venezia, infatti, applicando l’articolo 588 del codice di procedura penale, ha riconosciuto a suo carico le statuizioni civili, ossia il diritto alla parte civile ad ottenere un equo risarcimento (che ovviamente non avrebbe potuto aver luogo in caso di innocenza dell’imputato), confermando alla vittima, assistita dall’avvocato trevigiano Aloma Piazza, una provvisionale di 100 mila euro che è già stata riscossa.

Continua a leggere

Attualità

Cantone: ”Se non c’è legalità vengono meno gli investimenti”

Regina Ada Scarico

Pubblicato

il

Raffaele Cantone, presidente dell’Anac, nell’ambito della sesta edizione del Premio Sepe, organizzato dal Movimento Cristiano lavoratori: “La corruzione comporta perdita di concorrenza, occasioni economiche e non consente ai cittadini comuni di avere opportunità. Quale futuro per pensioni, disabilità e corruzione nel mondo del lavoro”.
“La società – afferma – paga un prezzo altissimo. Non ci sono bacchette magiche o soluzioni facili, il problema della corruzione va affrontato nella logica nuova della prevenzione, con le regole della trasparenza”.
“Soprattutto dal punto di vista culturale – continua – perché scontiamo il dato che molti cittadini non lo considerano un male”.
“Dovunque ci sono illegalità, corruzione e mal funzionamento della macchina amministrativa ci sono meno investimenti e meno occasioni di lavoro”
Diventa, dunque, “fondamentale il ruolo delle agenzie educative e tra queste ovviamente la Chiesa”.
“La battaglia alla corruzione è fatta per i cittadini – sottolinea – La corruzione è la possibilità di non aver uguaglianza di cui si parla nella Costituzione. La legalità è uno strumento fondamentale per migliorare la qualità e la quantità del lavoro”.
“Uno degli elementi di cui tengono sempre conto gli investitori – conclude – sono il funzionamento dell’amministrazione e il rispetto delle regole”.

Continua a leggere

Cronaca di Napoli

Un giudice di Firenze nega la scarcerazione a tre cittadini dello Sri Lanka perchè ‘vivono a Napoli’

Redazione Cronache della Campania

Pubblicato

il

A Napoli ci sono controlli saltuari delle forze dell’ordine: negati gli arresti domiciliari a tre cittadini extracomunitari arrestati per ricettazione a Firenze. Con questa motivazione, il gip di Firenze, Paola Belsito, ha negato i benefici dei domiciliari a tre cittadini dello Sri Lanka finiti in carcere per ricettazione di carte di credito e documenti di identità. Il legale dei tre stranieri, Riccardo Ferone, ha rilasciato su questo episodio alcune dichiarazioni al quotidiano Il Mattino: “Mi sono offeso come cittadino napoletano – dice – e sono esterrefatto come operatore del diritto. Ho avuto la netta sensazione che anche il giudice napoletano delegato per rogatoria abbia provato lo stesso imbarazzo”. Il legale napoletano annuncia che farà richiesta di Riesame “perchè parliamo di incensurati in cella per motivi ‘ambientali'”. Secondo il giudice di Firenze, non possono avere i domiciliari perchè “vivono a Napoli, città ad alta densità criminale nella quale il carattere saltuario dei controlli di polizia non sarebbe idoneo ad evitare il concreto pericolo di evasione, considerata anche l’elevata abilità degli indagati nel celare la propria reale identità”.

Continua a leggere

I più letti