Napoli http://www.booked.net
+18°C

Seguici sui Social

Napoli e Provincia

Sant’Antimo, colpi di pistola contro le auto del responsabile dell’ufficio tecnico

La camorra torna a far sentire il suo ”peso politico” in città

Redazione Cronache della Campania

Pubblicato

il




La camorra torna a far sentire il suo “peso politico” a Sant’Antimo. La notte scorsa infatti ignori hanno esploso alcuni colpi di pistola contro le due auto del nuovo responsabile dell’ufficio tecnico di Sant’Antimo.
L’episodio in via Formia, una traversa della centralissima via Roma. Alcuni residenti della zona e lo stesso tecnico, hanno dichiarato ai carabinieri della compagnia di Giugliano, diretta dal capitano Antonio De Lise e ai militari della locale caserma, di aver udito, poco dopo mezzanotte i rumori degli spari, i cui proiettili hanno danneggiato la Volkswagen Lupo e la Fiat del tecnico comunale.
L’uomo, solo questa mattina quando è uscito di casa per accompagnare il figlio a scuola, si è accorto di quanto accaduto, avvertendo i carabinieri.
E’ il secondo episodio intimidatorio in pochi giorni, che fa seguito una tentata aggressione all’ex dirigente dello stesso comune. “Atti di inaudita gravità e segnali che il settore edilizio è fortemente inquinato dalla criminalità organizzata”, ha fatto sapere il sindaco Aurelio Russo.
Che poi ha aggiunto: “Ho chiesto al tecnico, a cui va tutto il nostro sostegno, di restare in carica. A breve terremo un consiglio comunale monotematico su questa delicata questione. Comunque, sono atti che non fermeranno la trasparenza della casa comunale”.
Sulla vicenda sono intervenuti anche i consiglieri del centrodestra: “Il vile atto di intimidazione ai danni del neo responsabile dell’Ufficio Tecnico del Comune di Sant’Antimo, cui va la nostra piena solidarietà, è un fatto gravissimo sul quale è necessario fare piena luce.
Ma è altrettanto grave che un sindaco, che avoca a sé la responsabilità di firma solo di alcuni atti di comodo non senta forte il dovere di farlo anche e soprattutto per quelli più spinosi lasciando praticamente soli i funzionari e i lavoratori più esposti”, dicono in una nota.
E poi continuano con la polemica politica contro l’amministrazione Russo: “poiché il tempo della demagogia da campagna elettorale è finito da un pezzo, il sindaco eviti illazioni e faccia pienamente il suo dovere denunciando senza tentennamenti e con chiarezza l’inquinamento di cui parla.
In questo caso ci avrà dalla sua parte”.

Link Sponsorizzati

Campania

Volla, i carabinieri forestali controllano ditta e scoprono attività abusiva

Regina Ada Scarico

Pubblicato

il

I carabinieri forestali della stazione di Napoli hanno effettuato una ispezione nei locali di una ditta individuale dedita al commercio di metalli e alluminio a Volla, in via Tamburiello, nel corso di controlli sulla gestione di rifiuti pericolosi e non.
Nello stabile sono stati subito individuati numerosi cassoni senza i codici identificativi del tipo di contenuto. In altri messi più in disparte e meno a vista, c’erano invece, miscelati, rifiuti speciali pericolosi e senza la minima indicazione che consentisse di risalire alla provenienza (ammortizzatori non bonificati, parti meccaniche intrise di olio lubrificante, schede elettroniche, cavi di rame bruciati -verosimilmente per eliminare le guaine di gomma a rivestimento- rottami di acciaio e piombo).
La titolare della ditta, una donna di quarantanove anni del luogo, è stata denunciata per smaltimento e recupero di rifiuti speciali pericolosi e non e per miscelazione degli stessi.

Continua a leggere

Campania

Poggiomarino, spacciavano ‘erba’ tra i ragazzini: arrestati due 18enne, denunciato un complice di 17 anni

Redazione Cronache della Campania

Pubblicato

il

 

I carabinieri di Poggiomarino, nel Napoletano, hanno arrestato due 18enni e denunciato un 17enne loro complice con l’accusa di detenzione di stupefacenti a fini di spaccio.
I militari li hanno sorpresi mentre tentavano di nascondere 112 grammi di marijuana in una intercapedine ricavata in un muro.
La loro perquisizione ha poi portato al rinvenimento di 100 euro in contanti ritenuti provento dello spaccio. Gli arrestati sono stati trasferiti a Poggioreale.

Continua a leggere

Campania

Oggetti rubati in chiesa venduti su una bancarella al mercato di Pomigliano

Redazione Cronache della Campania

Pubblicato

il

Oggetti rubati in una chiesa di Nola, venduti su una bancarella di Pomigliano d’Arco. A scoprirlo i carabinieri che, su mandato della procura di Nola, hanno eseguito una serie di perquisizioni e recuperato una statua di gesso di 50 centimetri, raffigurante Bernadette, e due vasi per fiori in marmo che erano stati trafugati dalla chiesa San Vincenzo Ferreri di via Polvica lo scorso 18 ottobre. Il furto era stato denunciato, la mattina dopo la notte della razzia, dallo stesso parroco.
La merce era esposta e messa in vendita su una bancarella del mercato rionale di via Mazzini, nella cittadella industriale alle porte di Napoli. Identificato l’attuale detentore della statua e dei vasi, un 46enne di Scisciano già noto alle forze dell’ordine anche per reati specifici, che dovrà rispondere di ricettazione.

Continua a leggere

I più letti